Utente: Ospite
Cerca nel sito
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!


Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi





Brevetto sui set fotografici

Iscritto il:
12/5/2005 19:57
Da Frosinone
Messaggi: 396
Offline
Non vorrei creare il panico, ma ho letto per caso questa notizia su codesto link:
Non so se si tratta di uno scherzo, se non lo è resto veramente basito ... a questo punto brevetterò un set con fondale nero ...ho sempre pensato che una cosa del genere non si potesse fare, soprattutto per chi con la fotografia ci campa, ci mancava solo di dover stare attenti a che tipo di set metti in uso, per evitare eventuali diffide. Avete notizie certe a riguardo?

Inviato: 3/1/2015 15:52
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Brevetto sui set fotografici

Iscritto il:
3/4/2009 12:52
Da Eboli
Messaggi: 723
Offline
... come si fa a brevettare una cosa in uso da anni? Sarebbe come brevettare la formula chimica dell'acqua.

Inviato: 3/1/2015 17:20
Gianluigi
https://www.photo.net/gianluigi_albanese
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Brevetto sui set fotografici

Iscritto il:
25/8/2005 8:38
Messaggi: 3193
Offline
Non sono un professionista di legislazione sui brevetti ma ho lavorato molto nel campo brevetti. Un brevetto assume un valore solamente quando attorno a questo viene iniziata un'azione legale che si conclude con una causa in tribunale che viene vinta. Prima - a differenza di quello che il pubblico pensa - un brevetto vale poco più della carta su cui e' scritto. Oltretutto esistono altri metodi più efficaci del brevetto per proteggere una idea (ma non e' certo questo uno di questi casi).

Prima di una causa che ne confermi o no la validita' , il brevetto ha pero' una sua funzione strategica: e' l'equivalente di "mandare un messaggio". Infatti esistono brevetti difensivi e brevetti offensivi, per esempio. Esistono tecniche di strategia brevettuale come il "carpet bombing" o la crescita del portfolio a scopi di pre-acquisizione o per smascherare un concorrente. E così via.

Anche in questo caso sarebbe interessante sapere a chi Amazon sta mandando il messaggio e/o l'uso che ne vuol fare. Non ne ho la più' pallida idea, ma il il povero fotografo e' secondo me l'ultimo dei possibili destinatari. L'ipotesi che presenta il giornalista alla fine dell'articolo e' uno degli usi classici dei brevetti, e quindi l'ipotesi ha una sua legittimità. Esistono infatti piccole partnerships (di avvocati supportati da tecnologi) che con aggressività predatoria acquistano brevetti a quattro soldi per mettere in piedi collezioni di questi che possano mettere in difficoltà qualche società dalle tasche profonde. Dopo di che contattano la società proponendogli l'acquisto del portfolio, altrimenti ..... Anche il legislatore sta considerando la possibilità di mettere freno a questo genere di business con opportune leggi. Qqueste partnerships si difendono argomentando che loro si comportano da "spazzini del mare" e quindi svolgono una funzione di "purificazione" del mercato. Con pure, mi pesa ammetterlo, qualche buona ragione.


Inviato: 3/1/2015 17:43
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Brevetto sui set fotografici

Iscritto il:
27/4/2006 13:48
Da Roma
Messaggi: 2700
Offline
Se ricordo bene, inoltre, la Monsanto o un'azienda simile, stava tentando di brevettare maiali, conigli, galline ecc... ma si è dovuta fermare ad una piccola sezione del dna del porcello che aveva effettivamente modificato. E' comunque inqualificabile la rapacità predatoria di cui siamo tutti vittime.

Inviato: 5/1/2015 0:43
Franz ...Tessera "Bromuro d'argento" C.F.A.O. n. AgBr 31......
--------------------------------------
www.franzgustincich.it - Empirici di tutto il mondo, unitevi!......
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Brevetto sui set fotografici
Moderatore
Iscritto il:
13/5/2004 17:25
Da lombardia
Messaggi: 5954
Offline
Bisogna intendersi.

Non credo si possa brevettare "il fondo bianco", dal momento che è un tipo di fondo che da sempre si usa e che , volendo, esiste pure in Natura.

Altra cosa potrebbe essere la invenzione di un metodo originale per ottenere il fondo bianco: intendo una tecnica od una disposizione particolare delle luci per ottenerlo.
Teoricamente, è possibile. Certo mi pare difficile, osservando l'immagine finita, poter risalire a quale tecnica è stata usata per ottenere il fondo bianco, tra le molte già conosciute e liberamente utilizzabili.

Però, già se invece che il fondo bianco si trattasse di una qualche più specifica ed originale metodologia e caratteristica cromatica o una qualsiasi altra specificità realizzativa, tale da fare riconoscere una ben individuabile cifra stilistica o tecnica di un particolare Fotografo, allora credo che la cosa ci stia.
Per esempio, credo che Tim Tadder non avrebbe torto a rivendicare qualche diritto se un altro fotografo realizzasse immagini molto simili alle sue e con la sua tecnica.
Sebbene, sia un brutto Mondo quello in cui ci si attacca pure a queste cose per far cassa o per cercare di emergere rispetto agli altri.

Inviato: 7/1/2015 12:08

Modificato da luciano su 7/1/2015 17:34:51
Tessera C.F.A.O n. 3

"Tempo fa ero indeciso, ma ora non ne sono più così sicuro" Boscoe Pertwee

http://www.flickr.com/photos/15773975@N00

https://500px.com/lucinio
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Brevetto sui set fotografici

Iscritto il:
25/8/2005 8:38
Messaggi: 3193
Offline
Citazione:

gianlu64 ha scritto:
... come si fa a brevettare una cosa in uso da anni? Sarebbe come brevettare la formula chimica dell'acqua.


Domanda più che legittima, ma che parte da una interpretazione di derivazione scientifico/tecnologica di cosa sia un brevetto . La definizione di cosa sia un brevetto e' prima di tutto legale, non tecnologica. Ovviamente questo e' di una noia mortale, e la stampa o i telefilm preferiscono l'interpretazione scientifica (completamente fuorviante ma sexy), del baldo giovane che inventa la cura del cancro dopo centinaia di notti insonni passate in laboratorio.

Uno può brevettare metodi o apparati. In realta' e' un pochino più complesso (differenza forti ci sono tra USA ed EU, per esempio). Io posso per esempio brevettare un badile piazzato sotto le chiappe, tenermi aggrappato al manico, ed usarlo come slitta per scendere i pendii innevati (metodo). A meno che qualcuno non lo abbia già fatto. Dopo di che se vedo un ragazzino che lo fa lo porto in tribunale. E poi si vede cosa dice il giudice. Il quale sicuramente mi sbatte fuori dall'aula a calci nel di dietro, ma intanto l'ufficio brevetti - magari - me lo aveva pure concesso il brevetto. Esempio estremo, ma giusto per farsi capire.

P.S. La concessione del brevetto da parte dell'Ufficio Brevetti *NON* significa che l'invenzione e' innovativa. Nessun Ufficio Brevetti avrebbe le risorse intellettuali, umane , ed il tempo per poter fare gli studi necessari per avvalorare una cosa del genere.

Inviato: 7/1/2015 13:16
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Partners








Ultimi annunci
Utenti Online
30 utente(i) online
(29 utente(i) in Forum)Iscritti: 0
Ospiti: 30
altro...
Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 px o superiore
     
Privacy Policy