Utente: Ospite
Cerca nel sito
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!


Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi



« 1 2 (3) 4 5 »


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..

Iscritto il:
27/5/2006 13:11
Da caserta
Messaggi: 544
Offline
Eccoti la risposta su Repubblica...

http://www.repubblica.it/esteri/2017/ ... tocco-164781425/?ref=fbpr

Beh sarebbe giusto...

Motivazioni differenti ma il senso è quello.
Se mi mostri un alba... eri lì alle 6 del mattino oppure alle 16 davanti il pc??? Perché ci sono 10 ore di differenza!

Inviato: 8/5/2017 8:14
boh! e chi ci capisce niente.........
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 643
Offline
Chi ha mai consegnato una foto come esce dalla macchina? Credo che il fotoritocco sia nel dna del digitale. Se si volesse "governare" il fotoritocco bisognerebbe stabilirne i confini scriverne le regole: esempio il cielo si può scurire di due stop, la pelle della modella non si può "levigare", il segnale divieto di sosta non si può cancellare... Solo il pensiero di una normativa in tale senso mi pare impossibile oltre che delirante. In sostanza penso che se il concorso non prevede di dare informazioni documentaristiche e veritiere su un fatto allora è ammesso tutto. Ci siamo dimenticati che la manipolazione in camera oscura è antica come la fotografia? Mi sembra un paradosso ricercare la foto "autentica" oggi quando le manipolazioni si fanno praticamente da sole. Le uniche foto che non ammetterei ai concorsi e da nessun'altra parte sono le foto rubate.

Inviato: 8/5/2017 9:01
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..
Moderatore
Iscritto il:
13/5/2004 17:25
Da lombardia
Messaggi: 5975
Offline
Concordo.
Ed aggiungo che è una ragione di più per non attribuire eccessiva importanza ai concorsi, che sebbene siano a volte utili ed interessanti, sono abbastanza spesso controllati e gestiti da gente che si piscia sulle scarpe e che in tutta la sua vita non ha scattato una foto capace di riscuotere un qualche interesse o di generare un qualche indotto economico, al di fuori dei concorsi stessi, appunto.

Inviato: 8/5/2017 9:22
Tessera C.F.A.O n. 3

"Tempo fa ero indeciso, ma ora non ne sono più così sicuro" Boscoe Pertwee

http://www.flickr.com/photos/15773975@N00

https://500px.com/lucinio
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..

Iscritto il:
27/5/2006 13:11
Da caserta
Messaggi: 544
Offline
Così sarebbe da tollerare anche "l'aereo rattoppato" nel concorso Nikon? dove fortunatamente hanno posto rimedio annullando il premio...

Dai cosa ci sia di fotografico nel prendere le cosce di una modella e "rimpicciolirle o allargarle al bisogno non comprendo...".
Le stesse beyonce o shakira in foto sembrano fotomodelle taglia 42... vai dal vivo e trovi 130cm x 80kg (esagero ovviamente per rendere l'idea. nulla contro le donne in carne!)

Io non sono un talebano della fotografia ma se già prendi la pelle della fotomodella e la "esasperi" in PS vuol dire che non stai più fotografando ma la stai addirittura disegnando!
ovvero andiamo oltre il di questo passo fai un manga e solo perchè lo hai acquisito con una fotocamera la chiami foto?!?

Vabbè.

Inviato: 8/5/2017 15:44
boh! e chi ci capisce niente.........
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..
Utente non più registrato
Senza esasperare il concetto di "togli e metti", se la foto non è destinata ad un concorso dalle regole rigide, o non si tratta di foto fatte per documentare la scena così com'è, piccoli aggiustamenti, come dice Oscar, si sono sempre fatti anche in analogico, quindi fanno parte del concetto di Fotografia. Quello che conta è non stravolgere il soggetto, falsificandolo come nell'esempio della modella, che se è 130 cm x 80 Kg, non è corretto farla sembrare 1.70 x 60Kg, o mettendo in bocca ad un personaggio un sigaro che non c'era.
Metto un esempio, su cui si può discutere se si vuole.

PS Io non partecipo mai ai concorsi così posso sempre dire che se partecipavo vincevo.


E' una foto-ricodo che ho fatto qualche anno fa. La foto-ricodo rimane a colori, quella finale è per evidenziare una vecchia stazione dei treni sulla linea Treviso-Calalzo nei suoi elementi caratterizzanti. Le modifiche non stravolgono il soggetto.
In sequenza, originale a colori, modifiche, risultato.
CLICCARE SULLE FOTO


Allega:



jpg  Originale.jpg (298.99 KB)
2594_59107ca094b50.jpg 1200X799 px

jpg  Intermedio.jpg (347.66 KB)
2594_59107cad92e27.jpg 1200X799 px

jpg  Fotoritocco.jpg (333.67 KB)
2594_59107cbb641bb.jpg 1200X799 px

Inviato: 8/5/2017 16:13
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 643
Offline
Scusate ma dove nasce questa idea di fotografia realistica? A me sembra una grande contraddizione e invito chiunque a scrivere il decalogo di cosa si può fare e cosa non si può fare per capire che è come vuotare il mare col bicchiere. Qualcuno ha mai pensato di dire a uno scrittore quali parole può usare oppure no? Le tue modifiche Pino sono davvero invisibili ma comunque se la foto è finalizzata all'arte per me è concesso tutto altrimenti cancelliamo d'un colpo i pionieri del pittorialismo dalla storia della fotografia.
Una cosa che non potrei tollerare invece sarebbe la modifica dell'autovelox, della foto segnaletica e poche altre cose.
Sui concorsi non mi esprimo non ho esperienza diretta.


http://fotogartistica.blogspot.it/201 ... nson-la-fotografia-e.html

Inviato: 8/5/2017 16:22

Modificato da archifoto su 8/5/2017 16:37:55
Modificato da archifoto su 8/5/2017 16:38:55
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..

Iscritto il:
27/5/2006 13:11
Da caserta
Messaggi: 544
Offline
la mia provocazione resta ancora senza risposta...

"Io non sono un talebano della fotografia ma se già prendi la pelle della fotomodella e la "esasperi" in PS vuol dire che non stai più fotografando ma la stai addirittura disegnando!
ovvero andiamo oltre e di questo passo fai un manga e solo perchè lo hai acquisito con una fotocamera la chiami foto?!?"

Pino tu dici "Quello che conta è non stravolgere il soggetto, falsificandolo come nell'esempio della modella"

Onestamente non potrai mai dire cosa è o non è "stravolgente"

ed infatti Archifoto dice "Scusate ma dove nasce questa idea di fotografia realistica? A me sembra una grande contraddizione e invito chiunque a scrivere il decalogo di cosa si può fare e cosa non si può fare"

ovviamente non puoi scrivere un decalogo... ma perchè la foto di mio figlio convertita i PS con effetto Manga giapponese e stampata è una foto solo perchè sono partito da uno scatto fatto da una fotocamera? e che foto è?

Da questa discussione purtroppo resto con i miei dubbi, e le mie convinzioni...

Inviato: 8/5/2017 16:51
boh! e chi ci capisce niente.........
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..
Moderatore
Iscritto il:
13/5/2004 17:25
Da lombardia
Messaggi: 5975
Offline
Dipende dal contesto.

Nei concorsi, a seconda dei regolamenti - che peraltro discendono direttamente dalle personalissime convinzioni degli organizzatori e della Giuria, e che pertanto manco per niente possono essere assunti come definizioni assolute - una certa immagine potrà oppure no essere accettata e ritenuta fotografia , oppure no.

In campo professionale pubblicitario, e lo vediamo in qualsiasi cartellonista stradale o immagine su un giornale, manco se lo pongono il problema: l'importante è che l'immagine funzioni e faccia vendere il prodotto.

In campo di foto naturalistiche, la convenzione è che l'immagine non sia manipolata negli elementi costituenti e che gli animali siano ripresi in libertà e non allo zoo . L'anno scorso, allo zoo di Amsterdam ho visto un tipo con cavalletto mostruoso e teleobiettivo altrettanto mostruoso, credo un 400/2,8 se non addirittura un 600, riprendere gli uccelli in semilibertà: non dubito che le foto saranno state impeccabili, ma dubito siano naturalisticamente corrette. Comunque...così era.

Nel reportage pure vigono alcune regole che dovrebbero garantire una certa genuinità della immagine ripresa e di conseguenza il suo valore testimoniale. Boh... sarà. però sappiamo benissimo che certe immagini memorabili (il soldato russo che ammaina la bandiere nazista dal Reichstag, i marines che invece la issano a Okinawa, pare anche il famoso miliziano colpito di Capa e tante altre) sono assolutamente costruite e però vengono lo stesso accettate, perché, prima di tutto, della verità in molte occasioni non frega niente a nessuno (nonostante tanta retorica che le si fa attorno) e poi, perché il valore simbolico di quelle foto travalica quello della realtà oggettiva.

In campo artistico non mi pronuncio, vista la mia ignoranza assoluta in merito. Credo che anche qui non si faccia gran caso alle tecniche, quanto al risultato finale e che le tecniche miste, le contaminazioni (come si dice spesso) ecc. siano all'ordine del giorno.

In campo personale, cioè quello delle foto che faccio per me stesso, che posso far vedere agli altri, ma che restano per lo più realizzate come ricordo e soddisfazione personale, le regole ognuno se le fa come vuole..
Se per me resta fotografia l'immagine d un panorama manipolato al computer, beh.. per me quella è fotografia. E le opinioni degli altri non mi devono interessare che in minima o nessuna misura. E viceversa, si capisce.

E quindi, mi pare evidente che una stessa immagine possa essere accettata oppure no, ritenuta fotografia oppure no, a seconda del contesto, del suo utilizzo e di chi la sta guardando.

Il mondo è diventato complicato e le definizioni assolute,- che peraltro anche in passato erano tali solo per modo di dire - lasciano il tempo che trovano. O meglio, vorrebbero avere valore assoluto, ma in effetti è già tanto se ne hanno uno assai relativo. Se uno è credente, l'unico assoluto è Dio...tutto il resto, lassamo perdere, che è meglio..

Inutile dire che, anche se ho perso un buon quanto d'ora a scrivere questa pappardella, l'intera questione mi pare abbastanza senza senso.






Inviato: 9/5/2017 9:15
Tessera C.F.A.O n. 3

"Tempo fa ero indeciso, ma ora non ne sono più così sicuro" Boscoe Pertwee

http://www.flickr.com/photos/15773975@N00

https://500px.com/lucinio
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..
Moderatore
Iscritto il:
8/1/2005 22:33
Da Varese
Messaggi: 4577
Offline
Citazione:

luciano ha scritto:

E quindi, mi pare evidente che una stessa immagine possa essere accettata oppure no, ritenuta fotografia oppure no, a seconda del contesto, del suo utilizzo e di chi la sta guardando.

Il mondo è diventato complicato e le definizioni assolute,- che peraltro anche in passato erano tali solo per modo di dire - lasciano il tempo che trovano. O meglio, vorrebbero avere valore assoluto, ma in effetti è già tanto se ne hanno uno assai relativo. Se uno è credente, l'unico assoluto è Dio...tutto il resto, lassamo perdere, che è meglio..




Quoto questi pensieri al 100%

Marco

Inviato: 9/5/2017 10:08
Il mio sito

"I'm not a photographer the moment I pick up the camera.
When I pick one up, the hard work's already been done"

“To photograph reality is to photograph nothing.”

Duane Michals


Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..
Utente non più registrato
Luisito, se devi fare una citazione, falla con la frase completa, altrimenti estrapolandone una parte non si capisce il senso.
---------------------------------------------------------------------------------------------
Pino ha detto:
....Quello che conta è non stravolgere il soggetto, falsificandolo come nell'esempio della modella, che se è 130 cm x 80 Kg, non è corretto farla sembrare 1.70 x 60Kg, o mettendo in bocca ad un personaggio un sigaro che non c'era.
---------------------------------------------------------------------------------------------
Più chiaro di così! Oltre a tutto l'esempio della modella lo avevi fatto proprio tu. (Pure quello del sigaro riferito alle foto di Churcill).
Comunque non voglio polemizzare, è solo per dire che la citazione va fatta correttamente.


Luciano, e pure Archifoto, credo che ormai si sia detto abbastanza su ciò che può far considerare una immagine "fotrografia" o meno. Più che altro mi meraviglia che chi si occupa di fotografia, accetti che pesanti manipolazioni di computer-grafica siano considerate immagini fotografiche.
Si tratta semplicemente dell'estinzione della figura del fotografo così come la si è sempre intesa, e dell'accettazione che oggi un fotografo deve fare dei corsi di computer-grafica, cioè diventi un grafico e disegnatore più che esperto di fotografia se vuole competere ad armi pari con altri colleghi (parlo di chi con la fotografia ci campa).

Archifoto, se scambi per fotografia una cosa costruita sovrapponendo 4-5 negativi di riprese diverse (il pittorialismo che citi) ti metti nei panni di chi anche un secolo fa scambiava per fotografia una cosa diversa, lo posso accettare da uno che di fotografia non capiva niente, ma da un fotografo....

----------------------------------------------------------------------------------------------
Luciano:
....Inutile dire che, anche se ho perso un buon quanto d'ora a scrivere questa pappardella, l'intera questione mi pare abbastanza senza senso.
----------------------------------------------------------------------------------------------

Non deve essere tanto senza senso se la discussione su Zanni è stata letta 900 volte e questa 800. Vuol dire che coloro che leggono si dedicano a cose insensate?
Io direi piuttosto che non ha senso scambiare una immagine fatta interamente in computere-grafica, per una fotografia.
Se non lo fa chi scrive in un Forum di fotografia, chi si dovrebbe porre certe domande? Chi le dovrebbe porre a livello pubblico o seguire il dibattito sulla questione se è senza senso? La questione esiste eccome, liquidarla quasi con un "va bene tutto, basta che sia una immagine" significa liquidare qualunquisticamente, sommariamiamente, una questione sostanziale.

Qualcosa di analogo sta succedendo nel mondo della musica. Già da una ventina di anni AutoTune può correggere in studio stonature e introdurre vari effetti, per cui è impossibile cantare dal vivo un brano prodotto così. Anche un cantante mediocre, costruita bene la sua immagine, può diventare un fenomeno mondiale, ma non lo definirei cantante, tutt'al più un elemento qualsiasi di un processo di postproduzione. Una bella differenza con chi ha fatto una lunga gavetta di studi e un difficile percorso per diventare un cantante che sa eseguire un brano anche con la sola voce (a cappella) ed emozionare.

Infine c'è la questione delle attrezzature, ha senso parlare di tutte le mirabolanti novità che il mercato ci propone se poi qualcuno viene a dire che è la stessa cosa produrre un'immagine con queste o costruirla al computer. E' la stessa cosa spendere 2000 € per un obiettivo che ha uno sfocato meraviglioso, o costruire lo sfocato in grafica? Mi sembra una bella contraddizione!

Allora dico che (come accenna Luciano) ci sono campi in cui il sapere o meno che una immagine è una fotografia, non ha importanza, come l'esempio della pubblicità, nessuno se lo chiede. Campi come quello del reportage, della fotografia di strada, del racconto fotografico, della riproduzione, dell'architettura, del paesaggio, del paesaggio urbano, e sicuramente dimentico qualcosa, in cui sapere che l'immagine è frutto di uno scatto reale e non di pesanti manipolazioni, è importante. Questo sia per valutare la veridicità della scena, e anche, perchè no, della bravura del fotografo ed in certi casi della bontà della sua attrezzatura per chi è interessato. Tra l'altro penso che gli stessi produttori di fotocamere ed obietivi dovrebbero preoccuparsi della questione

La questione esiste ed è giusto cercare di collocarla nei giusti contesti, senza voler tracciare linee nette, che sarebbe assai arduo, ma almeno carcando di capire quali sono questi contesti in cui la manipolazione non ha importanza, e quali in cui ce l'ha. Se poi, nel mondo della cultura, venissero tracciate delle linee guida atte a considerare o meno una immagine, fotografia, fotomontaggio o grafica, direi che sarebbe sempre ora, ma se non si solleva la questione, è difficile che qualcuno si sforzi di definirle.

Inviato: 9/5/2017 11:52
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..
Utente non più registrato
Citazione:

luciano ha scritto:
E vabbè, diciamo che ha un senso. Anche se ancora devo capire quale. Ed allora continuiamo.
Su una cosa di do ragione, Pino.
Vale a dire sull'accettazione dell'estinzione della figura del fotografo tradizionale. Non fosse che dal punto di vista dell'armamentario tecnologico.

Perseguire oggi un percorso fatto esclusivamente di pellicola, apparecchi analogici e CO (con rifiuto di passare le proprie immagini o pellicole allo scanner, rifiuto di tramutarle in file digitale, di postarle sul web o di ricavarne stampe ink jet o di altra tecnologia digitale) è ovviamente legittimo , e c'è chi lo fa, ma in generale riveste lo stesso significato che avrebbe per un giornalista od uno scrittore utilizzare le pergamene e le penne d'oca, invece che il pc e le stampanti.

Quanto poi l'uso del pc e della trasmissione via cavo invece che delle penne d'oca e delle pergamene e del digitale e di Photoshop invece della CO e delle pellicole influisca sui risultati finali, è questione complessa. Ma sicuramente mi pare abbastanza assurdo pretendere che questo passaggio epocale non si rispecchi nel prodotto finito e quindi giudicare col metro ed i parametri del passato le produzioni del presente .


No, non facciamo confusione, io non ho mai parlato di rifiuto delle tecnologie digitali, personalmente ho proprio sostituito lo sviluppo e stampa "analogici" con lo sviluppo e stampa digitali ("camera chiara"), le tecniche sono le stesse, cambiano soltanto gli attrezzi. Io mi riferisco alle manipolazioni in computer-grafica che come ho detto più volte tolgono o aggiungono elementi caratterizzanti la scena ripresa, in postproduzione (e pure di fotomontaggi in camera oscura).

Anche riguardo l'estinzione della figura del fotografo tradizionale, la mia distinzione non è fra chi usa le tecnologie analogiche o quelle digitali, ma fra chi riprende una scena e la lascia com'è nei suoi elementi caratterizzanti (tranne il ritaglio dell'inquadratura per equilibrare o evidenziare il soggetto e piccole spuntinature di particolari non rilevanti rispetto al soggetto della ripresa) e apposta ho messo la fotografia di esempio; e chi la scena la stravolge in postproduzione togliendo o mettendo elementi caratterizzanti e non sto a rifare gli esempi, andando a sostituire il fotografo tradizionale con un grafico.

Inviato: 9/5/2017 12:50
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 643
Offline
Pino la storia della fotografia non l'ho scritta io. Parlo sempre di foto artistica e non professionale. Se vuoi cancelliamo pure i pittorialisti i fotomontaggi e tutte altre manipolazioni possibili dalla storia della fotografia con buona pace di tutti gli studiosi che ne hanno scritto in questo modo ma se siamo a questi livelli di cultura fotografica preferisco abbandonare la discussione.

Inviato: 9/5/2017 14:22
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..
Utente non più registrato
Caro Archifoto, dicendo : -...se siamo a questo livello di cultura fotografica...- mi stai dando pesantemente dell'ignorante quindi ti invito a moderare il tuo atteggiamento e non voglio perdere altro tempo a rispondere su questo piano.

52 anni fa uscì un'opera storiografica intitolata "L'italia dei secoli bui" riferita al medioevo. Oggi dopo mezzo secolo di ulteriori studi sul periodo, sappiamo che non furono secoli bui ma un periodo pieno di importanti innovazioni politiche, sociali, e artistiche.

Oggi con il dilagare delle manipolazioni possibili a partire da una fotografia, in maniera abbastanza facile con i computer, si pone il problema di cui si discute, problema che 100 anni fa non si poneva in quanto circoscritto ad un ambito ristretto.

Che l'equivoco perduri nel collocare nell'ambito della fotografia quelle che fotografie non erano, o erano intese tali solo perchè si servivano di fotocamere e pellicole, non mi convince del fatto che posso costruire una scena assemblando elementi diversi per farli comparire tutti assieme in una immagine e chiamarla fotografia.

Puoi anche collocare quella cosa lì nell'ambito della storia della fotografia ma se lo fai senza specificare che erano fotomontaggi, fai un errore di pressapochismo che è all'origine della attuale confusione, e se lo ha fatto uno storico della fotografia, io lo considero un errore e glielo posso spiegare.

Fino agli anni '80 si pensava che 2000 anni fa la laguna di Venezia fosse una laguna, adesso sappiamo che non era così, ma che era un alternarsi di campi coltivati e barene, con strade e ville padronali. Vuoi darmi dell'ignorante se ti dico che non c'era una laguna anche se gli storici del '900 la ritenevano tale?

Allora andiamo a vedere se è meglio andare a leggere su Wikipedia cosa era il pittorialismo e spacciare questo per cultura o avere un po' di intelligente senso critico e cercare di capire i termini della questione.

Inviato: 9/5/2017 15:35
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 643
Offline
non voglio offendere nessuno e se l'ho fatto involontariamente chiedo scusa.

Inviato: 9/5/2017 16:24
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..

Iscritto il:
25/8/2005 8:38
Messaggi: 3193
Offline
Il termine che PinoKent usa di grafico e' il "graphic designer" anglosassone. Interessante leggere cosa scrive wikipedia qui.

Ancora piu' interessante e' cercare su google

photography vs graphic design

si vedra' che il tema della commistione tra le due attivita' e' molto presente, e che addirittura corsi di fotografia e graphic design vengono offerti insieme nello stesso curriculum tante sono le interrelazioni oggi tra le due attivita'.

A questo punto pero' mi viene spontanea la domanda - non provocatoria (io mi riconosco nel Luciano-pensiero del "lasciamo perdere..."): ma non e' che la commistione tra grafica e fotografia non abbia in fondo dato nuovi spunti creativi ad entrambe? Sto parlando ovviamente di un loro uso proprio, non del grande obeso che dopo la cura photoshop sembra Roberto Bolle.

(E ribadisco che per me il fotogiornalismo e la fotografia di documentazione storica e sociale in presenza di interventi sull'immagine non e' poco etica: e' truffa bella e buona.)




Inviato: 9/5/2017 17:49
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..
Utente non più registrato
Citazione:

Mxa ha scritto:
Il termine che PinoKent usa di grafico e' il "graphic designer" anglosassone. Interessante leggere cosa scrive wikipedia qui.

Ancora piu' interessante e' cercare su google

photography vs graphic design

si vedra' che il tema della commistione tra le due attivita' e' molto presente, e che addirittura corsi di fotografia e graphic design vengono offerti insieme nello stesso curriculum tante sono le interrelazioni oggi tra le due attivita'.

A questo punto pero' mi viene spontanea la domanda - non provocatoria (io mi riconosco nel Luciano-pensiero del "lasciamo perdere..."): ma non e' che la commistione tra grafica e fotografia non abbia in fondo dato nuovi spunti creativi ad entrambe? Sto parlando ovviamente di un loro uso proprio, non del grande obeso che dopo la cura photoshop sembra Roberto Bolle.

(E ribadisco che per me il fotogiornalismo e la fotografia di documentazione storica e sociale in presenza di interventi sull'immagine non e' poco etica: e' truffa bella e buona.)



No, non mi riferisco a questo, bensì a chi è nell'ambito della Computer Graphic art, e quindi ha competenze di grafica artistica digitale. Praticamente chi fa disegno artistico con una tavoletta grafica (generalmente) usando pennelli e colori digitali con apposito software.
Sugli spunti creativi reciproci, non voglio dubitare, può essere e ben venga se è, però per me rimangono ambiti diversi e lo spunto creativo che può dare all'artista la commistione fra grafica e fotografia può essere sicuramente apprezzabile in un certo ambito artistico e creativo, basta chiamare ciascuna col suo nome (ma dietro al nome ci sta tutta questa discussione).
Il confronto per una ricerca internazionale lo farei diverso:
Computer Graphics versus Photography

Inviato: 9/5/2017 18:40
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..

Iscritto il:
25/8/2005 8:38
Messaggi: 3193
Offline
Citazione:

PinoKent ha scritto:

....
Il confronto per una ricerca internazionale lo farei diverso:
Computer Graphics versus Photography


Questo tuo insistere nell'attaccare la parola "computer" alla parola "grafica" non lo capisco. O parliamo di principi - e allora parliamo di interventi di "grafica", fatti come non ha importanza - oppure quello che stai dicendo e' che finche' il grafico taroccava con i pennelli e le matite apposite ti andava bene, adesso che con il computer riescono a farlo tutti non ti va piu' bene.

Dato che non penso proprio che tu voglia dire questo, ripeto: perche' specificare la parola computer? L'uso di questo mezzo cambia i termini della questione? Se e' una questione di principio il mezzo con cui si tarocca e' irrilevante: una manipolazione e' una manipolazione e' una manipolazione.

Inviato: 9/5/2017 19:00
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..
Utente non più registrato
Perchè la problematica della classificazione delle immagini esiste, oltre alla nostra discussione ed esistono i termini come "Photographic Images" e il "Photorealistic Computer Graphics" (con acronimo PRCG).

Ovvio che essendo partiti in queste considerazioni da immagini di Photorealistic Computer Graphics (discussione su Zanni), continuo a riferirmi alla grafica computerizzata.

I termini non me li invento io ma come vedi li trovi anche
Qui

Inviato: 9/5/2017 19:11
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..

Iscritto il:
25/8/2005 8:38
Messaggi: 3193
Offline
La mia domanda non aveva nulla a che fare con la classificazioni delle immagini, PRCG, etc.

Allora, riproviamoci.

Tu hai scritto:

"Io mi riferisco alle manipolazioni in computer-grafica che come ho detto più volte tolgono o aggiungono elementi caratterizzanti la scena ripresa, in postproduzione (e pure di fotomontaggi in camera oscura)."

La mia domanda era per capire che cosa secondo te sarebbe cambiato se avessi scritto

"Io mi riferisco alle manipolazioni in grafica che come ho detto più volte ...."

Quindi - ripeto - niente classificazione, PRCG, PIM etc. Preciso, per me grafica include la computer grafica. Forse e' da qui che viene il fraintendimento?

Come ho detto, non c'era provocazione ma interesse a capire. Ho fondato due anni fa una societa' che usa deep learning e big data proprio per la classificazione delle immagini ma so che c'e' sempre qualcosa di nuovo da imparare. Anche per questo partecipo a questa discussione.




Inviato: 10/5/2017 3:39
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografia si / no / ni / boh / chissene..
Utente non più registrato
Si, ok, come ripeto, ho citato la computer grafica perchè siamo partiti da immagini manipolate in questo ambito, ma per manipolazioni successive allo scatto non intendo solo quelle fatte al computer ma pure se fatte disegnando a mano (grafica in genere) su una fotografia con qualsiasi strumento (pennarello, pennello, colori di ogni tipo, spruzzi di colore ecc.).
Materiali incollati.
Fotomontaggi in processi completamente analogici.
Ecc. ecc.

Magari si è persa nei meandri di questa lunga discussione, ma
mi ero già espresso in termini più generici:

...Pure questa cosa sul fermare il tempo, non è che voglio escludere la forza espressiva della fotografia che è un suo elemento, ma differenziare uno scatto sul reale fatto nel momento (tempo quindi), da ciò che ne è estraneo perchè manipolato a posteriori.

Inviato: 10/5/2017 9:55
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Partners








Mercatino
Utenti Online
19 utente(i) online
(18 utente(i) in Forum)Iscritti: 0
Ospiti: 19
altro...
Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 px o superiore
     
Privacy Policy