Utente: Ospite
Cerca nel sito
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

   Tutti i post (archifoto)


(1) 2 3 4 ... 38 »


Re: fotografia di paesaggio "oggi" che aspira al "Fine Art"

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
Non c'entra col tema ma con la civiltà dell'Italia, la foto che segue mi fa lo stesso orrore di un bagno sporco. Anzi forse anche di più perchè ci riempiamo ipocritamente la bocca della bellezza del nostro Paese e collochiamo davanti la facciata della chiesa, Santo Spiritio a Firenze del Brunellschi per la cronaca, une delle chiese più belle ed importanti del mondo, un'infilata di 10 bidoni che neanche davanti al mercato rionale del pesce. Ecco questa è sciatteria peggiore a mio parere ma di cui nessuno si indigna perchè ormai ci ha fatto l'abitudine.

Allega:



jpg  2020-09-19 © oscar ferrari 90.jpg (397.64 KB)
1927_5f6f115627062.jpg 1417X945 px

Inviato: Ieri alle 11:57
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: fotografia di paesaggio "oggi" che aspira al "Fine Art"

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
Citazione:

luciano ha scritto:
Citazione:

archifoto ha scritto:
che brutta visione.


la visione è brutta. Ma l’immagine è significativa della posizione attualmente occupata dall’Italia sulla scala della civiltà. Di questa immagine, dovremmo vergognarci.


Sono pienamente d'accordo

Inviato: Ieri alle 11:48
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: fotografia di paesaggio "oggi" che aspira al "Fine Art"

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
che brutta visione.

Inviato: 25/9 20:52
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: fotografia di paesaggio "oggi" che aspira al "Fine Art"

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
che brutta visione.

Inviato: 25/9 20:51
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Scoperta clamorosa: Massimo Vitali è tedesco!!!!!

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
Quando Massimo Vitali fotografava spiagge questo caro tedesco doveva ancora nascere. E il Vitali non ha mai avuto bisogno di mascherarsi da Antropocene per fotografare spiagge o altri paesaggi naturali. Ma i tempi cambiano e oggi se ti dichiari dentro al progetto Antropocene allora sei figo. Che noia.


Inviato: 23/9 21:52
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Dittico/specchio

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
Citazione:

Mxa ha scritto:

Io credo nella fotografia a progetto.



Io anche ci mancherebbe, mica vai in giro a fotografare a caso... Quando penso alle serie fotografiche mi compaiono davanti i Becher e allora come si fa a fare delle serie di fronte a quelli che sono monumenti della fotografia contemporanea? Credo nella fotografie a progetto nel senso di sviluppare un tema in maniera coerente, Ci sono diverse strade: La prima ad esempio potrebbe essere il lavoro di Gabriele Basilico sulla città, tante città diverse raccontate con uno sguardo lento (come diceva lui...) e architettonico. E fin qui è relativamente facile, vai in giro camminando a cercare quello che rientra nella tua idea di spazio. Ma quello che oggi mi interessa è la capacità (che non ho) di costruire fotografie singole entro una cornice concettuale o narrativa. Per capirci faccio l'esempio di due artisti distanti almeno due generazioni: Jeff Wall e Alec Soth. Wall ha idee chiare in partenza tanto da costruire progetti complessi con veri e propri set con attori luci scenario etc. per realizzare una sola fotografia completamente diversa dalla precedente e dalla successiva ma tutte ugualmente riconducibili ad un percorso artistico e progettuale. Del secondo trovo geniale la capacità di spaziare all'interno di narrazioni apparentemente blande dai titoli attraenti (https://alecsoth.com/photography/proje ... sly-your-heart-is-beating) con fotografie assolutamente eterogenee ma di grande impatto visivo, che sembrano istantanee ma sono in grande formato (4x5) e quindi obbligate anch'esse ad uno sguardo progettuale.
Non è per fare la lezioncina (di cui nessuno ha bisogno) ma per ragionare su un tema a cui penso da tempo e che vorrei sviluppare meglio.

Inviato: 18/9 9:32
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Avanzo vacillando

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
Probabilmente anche la maggior parte di questi fotolibri che vedo su Collector Daily, tra cui "le gambe di mio padre", appartengono al mondo dell'arte prodotta perchè leggendo in fondo al testo pieno di bla bla che il mio inglese impedisce di leggere velocemente, compare la scritta (che non avevo visto):
Collector’s POV: Sara Perovic does not appear to have consistent gallery representation at this time. Collectors interested in following up should likely connect directly with the artist via her website (linked in the sidebar).
quindi si parla di operazione perlopiù autoprodotte in cerca di visibilità. o no?

Inviato: 17/9 8:23
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Dittico/specchio

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
Da qualche tempo sono diventato un sostenitore della foto "singola" che non deve necessariamente ripetersi in serie, perchè ripetere non sempre giova ma può indebolire. Rimarrei alla prima. L'elaborazione per quanto oggi sia facile tecnicamente è molto difficile concettualmente e rischia di trasformarsi nel catalogo degli effetti photoshop.

Inviato: 16/9 8:19
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Avanzo vacillando

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
Citazione:

orso ha scritto:
Però questo non mi fa vacillare, ma al contrario mi fa avanzare a testa alta lungo la mia vecchia strada... certo non pretendo di fare cose nuove e men che mai di essere un innovatore, ma faccio foto che a me soddisfano (quando vengono come voglio) anche se agli altri in cerca del nuovo a tutti i costi non potranno mai interessare. Ma a me sono gli altri a non interessarmi.


Sono molto meno sicuro di me stesso.In ambito professionale posso dire la mia ma quando penso ad una fotografia di ricerca mi pare di essere fuori dal mondo. Ovvio che domani non mi metterò a fotografare in questo modo "contemporaneo" e lo farò ancora alla mia maniera da vecchio, ma ...
"La volpe diede un ultimo lungo sguardo al bel grappolo d’uva che tanto aveva sognato di mangiare, e per non ammettere di non essere riuscita nella sua impresa, si disse:
– Meglio così, tanto di sicuro quel grappolo era ancora acerbo e mangiarlo mi avrebbe solo fatto venire mal di pancia! – anche se sapeva benissimo che non era vero."

Inviato: 14/9 8:49
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Avanzo vacillando

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
Si certo Gursky e forse altri tre al mondo fanno prezzi alti, belle fotografie e appartengono al sistema dell'arte con tutti i suoi pro e contro di cui sopra. Per tutto il resto (o quasi) c'è l'indifferenziata...per il mio modo antico di guardare le fotografie.

Inviato: 12/9 8:53
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Avanzo vacillando

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
Allora ho capito che il contenuto dell'opera non vale nulla vanno bene le mele rosse al posto delle pere gialle perchè rendono, o possono rendere domani. Le compri le metti in un cassetto come fossero un Rolex e speri che si rivalutino in un futuro non troppo lontano. Perfetto ma dici che la fotografia non appartiene a questo sistema quindi ben che vada (e torno al punto) il libro con le foto delle gambe, (e tanti altri che gli stanno attorno) mi fa lo stesso effetto di una bottiglia in plastica che si aggiunge alla massa di spazzatura galleggiante nel Pacifico. O no?

Inviato: 11/9 21:52
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Avanzo vacillando

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
Non sono esperto di finanza ma farei fatica ad acquistare prodotti del genere confidando che possano coprire un eventuale crollo borsistico anche se fossi milionario, ma questi hanno consulenti più preparati di me senza dubbio. Per l'artista forse vale più il "facciamoci vedere in qualunque modo" che le idee o le belle fotografie ed ecco che basta la pisciata appunto per ritagliarsi uno spazio. Forse per gli investitori se ti vedono così coraggioso e spregiudicato pensano che potrai avere fortuna nel campo artistico e investono mentre se fai un paesaggio sei troppo banale... boh la sparo lì perchè non ho idea ma io certi libri o certe fotografie non li vorrei manco regalati.

Inviato: 11/9 10:40
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Avanzo vacillando

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
Citazione:

Mxa ha scritto:
. Il tempo non ha ancora attivato il suo maglio distruttore quindi gira di tutto, cioè per la maggior parte spazzatura.

Oggi poi che l'iperfinanza ha invaso anche il mercato dell'arte - che rimane di gran lunga quello più relazionale e meno trasparente al mondo - c'è pure un effetto amplificatore che trasforma le tante cose orribili che sono sempre state proposte in passato in vere e proprie mostruosità.

Basta ignorare il tutto e tirare avanti.

P.S. Mi auto cito e riporto un mio intervento nel forum del 2006

Provocazione la mia? Purtroppo no.

Guarda qui.[/i]




Attendo con ansia quel momento ma forse non sarò più di questo mondo per godermelo...Non capisco, dici che la finanza specula su questa roba? (generalizzo)
Accidenti il piscio nel mondo mi mancava, ed è pure arte...continuiamo cosi facciamoci del male. (Moretti)
Luciano credo che quello che ho scritto sia chiaro, non ne faccio una questione sessuale, ma di fotografia orrenda. Fossero state le gambe di sua madre anzichè di suo padre mi avrebbero fatto lo stesso effetto spazzatura. Non è che cambio la mia opinione sulla fotografia di fronte ad un paio di gambe femminili, credo di avere gli strumenti per guardare oltre.

Inviato: 10/9 14:42
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Avanzo vacillando

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
Continuo a guardare photobooks e anche https://collectordaily.com/ è un ottimo sito per vedere cosa c'è in giro per il mondo. Sfoglio e questa mattina incontro questo https://collectordaily.com/sara-perovic-my-fathers-legs/ che non commento perchè mi mancano le parole. Però volevo condividere per avere pensieri più illuminati del mio, perchè va bene la bassa tecnologia di cui dicevo, va bene la ricerca che si basa sul racconto personale come sottolinea anche Marco MXA ma di fronte ad alcuni libri non so più cosa pensare, oltre a chiedermi se c'è qualcuno a cui interessano queste fotografie. E' una vita che mi dedico alla fotografia, che la studio e continuo a studiarla ma ora mi sento in crisi, ho perso i riferimenti e come nel titolo avanzo vacillando.

Inviato: 10/9 9:38
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: alta tecnologia bassa dedfinizione

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
Per il lato professionale posso dire come la penso io, per quello che vale. Personalmente non mi sono mai entusiasmato per una macchina o per le sue mirabolanti capacità promesse dal marketing. Oggi sono rimasto un po'indietro se vuoi con la tecnologia dato che lavoro con la 5D Mark 2 ma non mi è mai stata rifiutata una fotografia perchè la macchina è troppo vecchia e nell'ultimo libro non noto differenze con le foto del collega che utilizza la 6D Mark2! Ho sempre considerato le macchine come strumenti di lavoro e non oggetti feticcio con cui contare le linee per millimetro o i fotogrammi al secondo, ho sempre preteso che fossero buone certo come buoni devono essere i coltelli che adopera il salumiere.

Inviato: 9/9 18:34
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: alta tecnologia bassa dedfinizione

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
Citazione:

luciano ha scritto:

Nel campo della foto Artistica o di Ricerca (qualsiasi cosa voglia dire, perchè a me non è affatto chiaro), il numero dei pixel e la dinamica del file probabilmente non contano nulla o quasi.

Ma ci sono diversi campi di fotografia professionale di tipo "artigianale", che vanno dai matrimoni e cerimonie, alla foto sportiva, foto di viaggi e panorami, architettura, still life, pubblicità, ecc., pensare che siano di scarsa importanza, mi pare esagerato. Anche se beninteso, meglio una foto buona, ma tecnicamente imperfetta (entro i limiti della sua utilizzabilità) che viceversa


Parlavo proprio di fotografia di ricerca, e non ho detto che i professionisti siano di scarsa importanza (sono parte in causa, ho la partita iva da 25 anni...). La mia riflessione partiva invece dall'osservazione del sito di fotografia sperimentale dove le immagini contenute nei libri (nella maggior parte non li ho certo visti tutti) possono essere fatte con la macchinetta da due megapixel. Trovo quantomeno curioso ma allo stesso tempo interessante il fatto che la ricerca prescinda dalla tecnologia o comunque non lo faccia vedere. Quindi tolti i professionisti, che in ogni ambito utilizzano strumenti specifici, rimangono gli appassionati/dilettanti a spaccare il pixel in quattro e ad entusiasmarsi dei 20 fps.

Inviato: 9/9 18:17
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Linhof Technika: mamma mia che confusione!

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
Citazione:

Mxa ha scritto:

Ma la domanda che più mi sento di fare è questa

ma non vi siete rotti le scatole a stare dietro ai miei menamenti consumistici-equipaggiomentisitici? Perchè io - al vostro posto - mi avrei già bannato




(da amici internettiani di vecchia data mi aspetto una risposta del tipo "ma no, figurati ...." oppure totale silenzio)



E' che i tuoi menamenti consumistici equipaggiaamentistici sono troppo raffinati ! se si parlasse dell'ultima canon ok ma si parla di Linhof Technika, come si dice noblesse oblige !


Inviato: 8/9 22:32
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: alta tecnologia bassa dedfinizione

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
E a proposito dello scarso interesse per il contemporaneo di cui sopra, scopro ora questo bando a mio parere inutile. https://app.zooppa.com/projects/viaggi ... 11Qk-IFhtGwCX0yRkdJiSub0A

Inviato: 7/9 18:05
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: alta tecnologia bassa dedfinizione

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
Citazione:

Mxa ha scritto:
Oscar,
Avrei tanto da aggiungere, ma non servirebbe assolutamente a nulla.



lo so si fa per parlare... non voglio denigrare l'Italia perchè sarebbe come sparare sulla Croce Rossa. Ma se qualcuno inciampa in queste pagine magari si fa qualche domanda...Non ho la pretesa di cambiare nulla ma se avessi la tua capacità oratoria farei un canale sulla fotografia contemporanea! Ma forse sono troppo presuntuoso, è meglio continuare a parlarne qui o al massimo davanti ad un ipotetico bicchiere di vino!

Inviato: 7/9 14:30
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: alta tecnologia bassa dedfinizione

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 756
Offline
Citazione:

Mxa ha scritto:
. La mia domanda è "ma perchè in Italia una Space Corners non è possibile? Italia, la terra dell'arte, con la più alta densità di siti dell'UNESCO al mondo?".



Magari Space corners chiude de domani ma intanto ha già 20 anni...

e secondo me la risposta è proprio nella tua domanda perchè l'Italia è piena di siti Unesco, di architetture del Rinascimento e del Seicento, Punto.Poi ci siamo fermati lì. Al turista in Italia interessa l'achitettura contemporanea? Hai mai visto qualcuno visitare le periferie di Firenze o Bologna? No l'architettura contemporanea non è negli interessi di nessuno. Allargo e arrivo all'Arte quella vera, anche lì il discorso è simile, la maggior Parte dei visitatori segue percorsi "di massa" ai musei e non i propri interessi, ho fatto un esperimento un pomeriggio e sono stato parecchio ad osservare due opere in pinacoteca a Bologna. Ho visto molti visitatori soffermarsi due minuti di fronte all'Estasi di Santa Cecilia, di Raffaello che non si può non vedere ma girare le spalle (letteralmente perchè sono di fronte) e ignorarare completamente la Madonna del Perugino. Arriviamo alla fotografia e la risposta viene da sola, a quanti interessa la fotografia che va oltre i social? A Bologna che non sarà New York ma neanche Canicattì (non me ne vogliano i siciliani è un modo di dire) le librerie nel reparto fotografia hanno mediamente 5-6 autori tra cui A.Adams, C.Bresson, Gardin, Scianna, Vivian Maier e quando va bene Koudelka.
La fotografia di ricerca evidentemente non venderebbe neanche mezzo libro. Hai fatto bene ad emigrare in un Paese sviluppato!

Inviato: 6/9 15:27
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci



 Inizio
(1) 2 3 4 ... 38 »




Partners





Mercatino
Utenti Online
51 utente(i) online
(51 utente(i) in Forum)Iscritti: 0
Ospiti: 51
altro...
Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 px o superiore
     
Privacy Policy