Utente: Ospite
Cerca nel sito
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

   Tutti i post (archifoto)


(1) 2 3 4 ... 46 »


Re: Fascino e piacere

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Personalmente vivo più il fascino estetico se posso chiamarlo così. Faccio un esempio, mi piace molto il design dell'hasselblad e trovo che dopo 65 anni sia ancora estremamente iconico e contemporaneo, un classico che non invecchia infatti è stato ripreso dalla serie 907x, ma nell'utilizzo credo sia la macchina più scomoda del mondo e non è che ti faccia venire particolare voglia di fare foto anzi te la fa passare in fretta se te la porti in giro al collo! Pesa due chili, se non hai un cavalletto è quasi impossibile tenerla ferma, vibra e fa rumore e senza mirino vedi tutto destra sinistra. Ci ho fatto migliaia di foto per lavoro e no e mi piace molto di più il risultato che offre (la foto quadrata degli interni con l'ampio grandangolo o la resa del 100 in bianco e nero) che il maneggiare la macchina per farla. Quando la uso, poco ormai, è solo perchè voglio ottenere quella particolare visione che altre macchine non mi danno.

Inviato: 25/11 11:03

Modificato da archifoto su 25/11/2022 11:19:51
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Camera scanning Valoi

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Si Orso hai ragione stavo cercando di correggere la mia domanda perchè è ovvio che se hai un negativo più grande e la risoluzione del sensore con cui riproduci rimane la stessa e non fai montaggi di più scatti non puoi avere alcun migioramento! E dire che ho anche fatto l'esame di matematica ma è passato tanto tempo e mi sono rincoglionito! Grazie!

Inviato: 23/11 15:59
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Camera scanning Valoi

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Citazione:

orso ha scritto:
Comunque, se parliamo di originale 24x36 con sensore FF (1:1), credo non ci voglia molto a superare la qualità ottenibile con uno scanner piano di quelli che hai citato.


Quindi senza fare nessuno stacking anche se fotografi un negativo più grande tipo 6x6 o 4x5 ottieni una qualità migliore con la macchina che con lo scanner che ho detto giusto?

Inviato: 23/11 9:56
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Camera scanning Valoi

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
A parte il sistema che certamente è più veloce di uno scanner, non ho mai capito se un sensore di macchina fotografica 24x36 è meglio del sensore dello scanner, parlo di scanner medio tipo epson v 700 -800 e non tamburo o imacon ovviamente.

Inviato: 22/11 8:52
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ripristino testina stampante

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Da qualche tempo ho scoperto le stampanti laser e mi è cambiata la vita, dimenticato cartucce e cicli di pulizia. Parlo di stampe da ufficio ovviamente e non fotografiche ma se capisco bene questa non è una stampante fotografica.

Inviato: 21/11 18:00
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Zeiss ...

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Ah si certo Zeiss effettivamente è un po' ferma. per le novità c'è sempre canon che ne tira fuori un aal giorno!

Inviato: 21/11 16:17
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Zeiss ...

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Il sito Zeiss propone ancora obiettivi fotografici e non mi sembra dia notizia di chiusure.

Inviato: 21/11 12:50
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: "Letteratura" Linhof

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Citazione:

luciano ha scritto:
.. mai e poi mai mi verrebbe in mente di venderle, perchè per me rappresentano qualcosa di più di semplici strumenti - peraltro di altissimo livello - per fare foto. Sono anche la testimonianza di una tradizione, di una dedizione e di una passione per le cose fatte bene e fatte per durare che raramente ritrovo insieme nei prodotti moderni.


Mi piace questo modo di pensare e in teoria lo condivido. Dico in teoria perchè la considero strumento di lavoro o comunque per produrre fotografie e come tale mi piacerebbe farla funzionare ma i costi e la pigrizia vincono ... Penso anch'io di tenerla per ora perchè se la vendo forse prendo due lire.

Inviato: 18/11 15:35
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: "Letteratura" Linhof

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Molto bella la collezione! Ne ho aperti un paio (il primo e il nono) e la cosa che mi colpisce e un po' mi intristisce, è che sembrano provenire da un'era geologica fa. La Linhof era la macchina che desideravo,considerandola il meglio per il mio lavoro e ricordo ancora, emozionato come un bambino a Natale, quando aprii la scatola della Techikardan nuova di zecca. Ora che dorme in armadio da un sacco di tempo e si avvia a diventare un pezzo da museo insieme al pieghevole che l'accompagnava, (il quarto) mi intristisce un po' perchè mi fa percepire il tempo passato facendomi sentire vecchissimo.

Inviato: 17/11 9:48
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Deluso dalla baritata...

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Citazione:

Pino ha scritto:
Citazione:


...mi sono chiesto anche perchè un fotografo come lui non ha pensato all'epoca di ristampare su Cibachrome...


Pino alla stesssa mostra ci sono anche alcuni cibachrome ed effettivamente sono perfetti. Però Ghirri, e me lo confermava Ghi lo stampatore di Modena dove stampavo anch'io, preferiva il negativo alla diapositiva per ottenere in stampa un effetto più pastello e meno inciso e molto più controllo del colore. I suoi negativi credo siano conservati alla Biblioteca Panizzi (non so se ancora alla disponibilità degli eredi o dell'editore MACK) ma non è detto che altri sappiano rifare oggi gli stessi suoi colori quindi continuano ad andare in mostra stampe sbiadite e ingiallite ma opera della sua mano. Poi ci si può chiedere se sia meglio una stampa originale sbiadita e firmata o una ristampa fatta da un altro occhio. Tempo fa mi è capitato di vedere da Ghi alcune ristampe che non avevano la stessa interpretazione del colore di Ghirri e anche se lo stampatore era lo stesso qualcuno aveva deciso di rifarle a modo suo e quindi molto più scure! Dato che il suo lavoro ha avuto una grande diffusione sarebbe stata perfetta la stampa inkjet su carta cotone con tutti i crismi di durata certificata! Io, che al contrario non ho modo di esporre in galleria, per ovviare al problema della durata ho ripreso a stampare su carta rc per cui gli eredi (chi? non ho figli) potranno cestinarle con leggerezza perchè nel frattempo le stampe saranno già sbiadite!

Inviato: 16/11 17:23

Modificato da archifoto su 16/11/2022 17:40:03
Modificato da archifoto su 16/11/2022 17:43:43
Modificato da archifoto su 16/11/2022 17:46:32
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Deluso dalla baritata...

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Citazione:

pamar5 ha scritto:
Allora mi chiedo: perché spendere soldi e tempo e fatica per avere 100 anni di archiviabilità invece che 40 per una stampina personale? Magari fai una stampa che dura 150 anni ma dopo un paio d’anni che sei defunto viene buttata nella spazzatura da un nipote che non sa che farsene e dove metterla.
Questa è una provocazione. Poi chiaramente un autore vorrebbe che il suo, sfidasse il tempo….

Marco


Provocazione si ma una grande verità! Sono perfettamente d'accordo, anche perchè chi di noi ha fotografie esposte in musei o vendute in galleria e vive davvero il problema della durata? Domenica scorsa sono stato alla mostra di Luigi Ghirri a Modena dove sono esposte anche alcune stampe a colori rc "vintage" anni 80 tutte belle virate al rosso ma Ghirri rimane Ghirri anche se le sue stampe sono sbiadite e io rimango nessuno anche se le mie durano eterne.

Inviato: 15/11 9:43
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Deluso dalla baritata...

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
baritato ha scritto:
Citazione:

...dopodichè le appoggio su di un braccio bello tondo di un vecchio divano e vi assicuro che una volta asciugata la stampa assume una ottima planareità  e brillantezza.....smaltatrici personalmente mai usate....Ciao Ciao


Non sono un bravo stampatore e quello dell'asciugatura mantenendo le stampe piane è sempre stato un problema, l'appoggio sul bracciolo avviene con la stampa a contatto col tessuto o al contrario a faccia in su? Perchè se funziona e tornassi a stampare potrei fare una sorta di bracciolo in gommapiuma e tessuto... grazie ciao

Inviato: 10/11 13:26
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: INTERVISTA ESCLUSIVA A JAN-KLAUS STABROVINSKJ

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Non so chi sia JAN-KLAUS STABROVINSKJ ma mi trovo d'accordo con buona parte delle cose dette. Soprattutto sul fatto che lo stretto documentarismo non esiste, e che "A forza di voler insistere su una presunta oggettività che è poi una mera fisima idealistica in quanto nulla e niente è oggettivo, tutto è portato in avanti da una propria piega, ideologica, culturale, fideistica o no e via di seguito, si finisce per essere soggettivisti al massimo grado, altroché! Alla fine dei giochi l’opera d’arte (se la fotografia lo vuol esser davvero deve decidersi a darsi una mossa in questo senso) è quella che suscita SORPRESA, suggerisce un’aura di scoperta, AMMIRAZIONE (esibisce intelligenza, genialità), PIACEVOLEZZA e GIOIA (si fa amare!)...Se non metti del TUO mentre fotografi cosa fotografi a fare?"
E poi mi fa piacere che abbia ricordato il grande Aldo Ballo, a cui affiancherei nel ricordo l'altro grande e troppo spesso dimenticato Giorgio Casali. Grazie per aver pubblicato questa intervista.

Inviato: 7/11 17:20

Modificato da archifoto su 7/11/2022 17:38:28
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fotografare la pioggia

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Non so come si fotografa la pioggia perchè è l'unica cosa che evito accuratamente, va bene ogni luce ma la pioggia no...
Però ringrazio Orso perchè con questo post mi ha fatto conoscere Oradour sur Glane di cui non sapevo nulla. Peccato non sia proprio dietro casa.

Inviato: 3/11 15:02
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Com'era bella questa America.

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Non so se l'America di quel tempo era meglio o peggio ma le automobili erano meravigliose !!

Inviato: 22/9 17:26
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: facile salire,non altrettanto scendere.

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Per me sarebbe impossibile anche salire a vuoto...

Inviato: 20/9 18:17
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Colpo di cu..o, colpo d'occhio, e taglierina

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Concordo sul fatto di intervenire tagliando, personalmente lo faccio perlopiù in ripresa ma se serve togliere qualcosa vado di taglierina. Ultimamente, anzi da qualche tempo, uso sempre di più l'ottica normale per concentrarmi maggiormente su quello che sta nell'inquadratura, tutto il resto può stare fuori. Dell'ottica normale amo anche la percezione dei piani che non è enfatizzata come nel grandangolo e non compressa come nel tele. A questo proposito ho comprato di recente un 45 decentrabile di cui sono molto contento e per gli esterni lo trovo straordinario. Riguardo alla foto di Pino, a prescindere dall'ottica, tra le due della prima serie preferisco la prima perchè gli elementi che Pino dice di disturbo, aiutano alla comprensione dello spazio. Il lato sinistro della foto, comprendendo la riva del lago, determina un maggior senso di "contenitore" si ha la più chiara idea di una porzione d'acqua contenuta tra due rive. Credo che questa fosse la percezione istintiva del fotografo al momento dello scatto. Tagliando la riva sinistra lo spazio "cade" sulla destra e si ha l'impressione di essere sospesi nell'acqua. Questo è il mio punto di vita deformato da decenni di foto architettonica, prendete per quello che vale.

Inviato: 14/9 10:54
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: qualche immagine di Londra

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Condivido il lavoro di "aggiustamento" operato da Pino. Pavimenti e orizzonti in discesa mi lasciano sempre un po' perplesso. ciao

Inviato: 12/9 12:50
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: L’evoluzione della fotografia

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Marco tu non vedi quello che fotografi, tu vedi coi tuoi occhi, ma mentre avvicini una maccina all'occhio vedi quello che ti fa vedere la macchina anche per il solo fatto che un mirino genera un ritaglio e ti fa vedere con un occhio solo, e le lenti generano una deformazione alla tua visione! Che sia un banco ottico una reflex o una mirrorless quello che vuoi il concetto è il medesimo. Blow up di Antonioni ne è la dimostrazione più chiara ed efficace! Casomai fotografi quello che vedi, cioè traduci in immagine quello che vedi ma è tutta un'altra cosa. Poi la filosofia della fotografia può anche non servire all'uomo comune ma non cestiniamola in una battuta.

Inviato: 8/7 12:16
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: L’evoluzione della fotografia

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 910
Offline
Citazione:

luciano ha scritto:
personalmente questa cosa che con le reflex "ciò che vedi è ciò che fotografi" non mi convince affatto.


E ci credo! "ciò che vedi è ciò che fotografi" può andare bene per uno slogan pubblicitario e nient'altro perchè con qualunque macchina al mondo dal banco ottico alla leica alle reflex alle mirrorless non stanno così le cose.
A parte l'ovvietà che nessuno vede in bianco e nero, c'è tutto il capitolo stampa. In un bel video in rete il figlio di Ansel Adams mette a fianco due stampe di moonlight, una come scattata (quello che ha visto dal vetro o con gli occhi?) e una stampata con la sua tecnica, quella che poi è diventata famosissima. Ovviamente c'è un mondo tra le due! Ma senza scomodare Ansel Adams, chi ha mai stampato un negativo senza alcuna mascheratura? Lo stesso dicasi per il digitale reflex o mirrorless che sia, c'è qualcuno che stampa le fotografie come escono dalla macchina credendo che quello che ha fotografato è quello che ha visto? C'è qualcuno che crede che la fotografia riproduca fedelmente quello che l'occhio vede? Io credo proprio di no perchè altrimenti dovremmo riscrivere completamente la filosofia della fotografia!

Inviato: 7/7 18:15
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci



 Inizio
(1) 2 3 4 ... 46 »




Partners





Mercatino
Utenti Online
114 utente(i) online
(104 utente(i) in Forum)Iscritti: 0
Ospiti: 114
altro...
Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 px o superiore
     
Privacy Policy