Utente: Ospite
Cerca nel sito
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

   Tutti i post (archifoto)


(1) 2 3 4 ... 45 »


Re: Annusate i vostri negativi.

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Citazione:

pamar5 ha scritto:
Conservare. Rendere inattaccabili dagli effetti dello scorrere del tempo. Chi non desidererebbe ciò per le opere fotografiche? Se non tutte le proprie almeno qualcuna o quelle altrui giudicate capolavori meritevoli. Rimanendo nel proprio orticello, sono convinto che ognuno vorrebbe che una decina delle fotografie prodotte, magari a fronte di migliaia scattate, fosse in grado di sfidare il tempo ed essere immune dal suo scorrere. .

Marco



A mio parere ci sono due aspetti che riguardano la conservazione, uno è quello fisico e credo che sia il più facilmente risolvibile perchè le tecnologie analogiche o digitali oggi ci sono e tra stampe in carta cotone scatole conservazione hard disc etc... il problema si può risolvere facilmente. L'altro è l'interesse alla conservazione. Chi si mette a conservare le tue foto se non hanno un qualche interesse pubblico? Ok se hai dei figli e dei nipoti fai una bella scatola in cartone per la conservazione (a Bologna c'è uno studio che si occupa di restauro della fotografia e ne fa di bellissime) e la lasci in eredità e i tuoi nipoti che le riguarderanno pensando al nonno... Bello ma per andare oltre al cassetto di famiglia le fotografie prima di tutto devono avere una qualche forma di interesse pubblico ed essere fruibili attraverso libri o archivi digitali. In sostanza dato che conservare fotografie è una roba che costa è necessario che un qualche ente sia interessato al tuo archivio e, riconoscendone il valore, si prenda la briga di conservarlo e renderlo fruibile. Altrimenti gli originali finiscono, in ottimo stato di conservazione, alla discarica.
p.s. il "tuo" è generico ovviamente e non riferito a te Marco.

Inviato: Ieri alle 16:31
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Annusate i vostri negativi.

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Citazione:

Mxa ha scritto:
Un falò di centinaia di pellicole è cosa rara, va usata con il giusto spirito imprenditoriale.

Trova un curatore giusto per il video, aggiungici il minimo indispensabile di tema-che-va-tanto-di-moda-oggi e ci vinci pure un premio. Così unisci la catarsi fotografica al dilettevole e all'utile



ci sto lavorando seriamente! Ora che ci penso non ne avevo mai parlato in pubblico, questa è la prima volta e cercherò di trarre il massimo beneficio dal rogo!

Inviato: 27/6 18:10
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Annusate i vostri negativi.

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Citazione:

Pino ha scritto:
l'unica sono le stampe a pigmenti che sto facendo, pur sapendo che quando sarà ora qualcuno dirà: - questo ha lasciato un metro cubo di fotografie insulse e un computer di Marco Caco che adesso tocca portare all'ecocentro!


Questo concetto mi libera dall'ansia conservativa. Non ho figli ma ho un archivio discreto di fotografie analogiche relative ad architetture di scarsa qualità che ho documentato per lavoro nel corso dei primi anni di professione. L'architettura scadente e la difficoltà a collocare nel futuro questa massa importante di negativi a colore mi ha fatto pensare alla loro distruzione col fuoco che documenterò con un video a cui sto pensando da tempo. Non potendo demolire tanto costruito vorrei che non ne rimanesse nemmeno la traccia fotografica. Il regista ce l'ho, mancano solo alcuni dettagli della sceneggiatura prima di appiccare il fuoco!

Inviato: 27/6 16:35

Modificato da archifoto su 27/6/2022 16:50:28
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: E comprare una Leica (analogica) nuova?

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Citazione:

luciano ha scritto:
Penso esistano pochi dubbi sul fatto che - in proporzioni magari diverse da fotografo a fotografo - orientarsi su Leica risponde da un lato alla ricerca delle migliori prestazioni ottiche e di corpi camere al top della raffinatezza e precisione meccanica e dall’altra a desideri meramente feticistici (sarà anche puerile, ma in fondo sono le identiche motivazioni che permettono la sopravvivenza e la prosperità di centinaia di marchi del lusso nei più svariati campi merceologici… ed è inutile stare a farci su troppa filosofia).
È chiaro quindi che le alternative (per quanto magari tecnicamente validissime) non hanno la stessa attrattiva. A cominciare appunto dalla tenuta del valore dell’usato, ma non solo.


E sono perfettamente d'accordo. Oggi si possono fare ottime fotografie con macchine da pochi euro così come si può avere l'ora precisissima con orologi al quarzo da due lire ma c'è un revival di orologi meccanici vintage con prezzi in continuo aumento, pari al nuovo se non di più. In altro ambito, quello del design che frequento maggiormente comprando perlopiù lampade, la cosa è la stessa: si può illuminare perfettamente una stanza con un lampadario Ikea ma un Flos anni settanta non ha prezzo! Per cui capisco bene l'aspetto feticistico che dice Luciano e che prescinde dal fatto strumentale di fare fotografie migliori o peggiori quindi se fossi interessato (come lui) e potessi permettermelo cercherei di avere quella determinata Leica o quella determinata lente senza dubbi perchè per fare fotografie basta una macchina ma la leggenda l'ha scritta Leica.

Inviato: 27/6 11:06
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ecco...ormai ci siamo

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Citazione:

FranzX ha scritto:

Perché non usare direttamente il telefonino? Ci sono due ragioni, una tecnica ed una commerciale: quella tecnica si chiamo sincro flash; quella commerciale si chiama "sennò perdo il cliente" che pensa di poter fare da solo. Eh, si! Sono in molti a credere ancora che stiano pagando il noleggio di un'attrezzatura e non la professionalità.



Questo è molto triste, io non amo particolarmente nè il telefono nè le reflex, ma le seconde oggi mi consentono di fare fotografie a mio avviso migliori. Se domani il telefono facesse le stesse cose della canon non avrei alcun rifiuto a priori, un tempo credevo che ci fossero solo le piane e il banco ottico, oggi non li rimpiango e domani potrei fare col telefono. Ma il punto non è questo a mio avviso, come ho scritto sopra secondo me vale ancora lo sguardo, sia che si tratti di ristoranti e relative vetrine per la carne o architetture. E credo che vada "educato" il cliente a fare capire la diffrenza, che non sta nei megapixel appunto ma nello sguardo. Io ci provo e a volte ci riesco.

Inviato: 13/6 10:09
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Cari fotografi non avete capito niente !

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Voi che trattate le vostre lenti con cura e al minimo granello di polvere inorridite, guardate un po' qual'è l'ultima tendenza! https://petapixel.com/2022/06/08/tikto ... camera-lenses-with-rocks/
Io mi astengo del commentare...

Inviato: 9/6 14:41
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ecco...ormai ci siamo

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Indubbiamente mi sono spiegato male perchè ho omesso una parte importante di tutto il processo ovvero "chi" realizza la fotografia. Nelle mani di un fotografo non fa troppa differenza la foto scattata alla piazza col telefono su cavalletto e un decentrabile nella stessa posizione se non per quantità di pixel e a parte le dimensioni a cui puoi stampare il tutto risulta più o meno accettabile e forse difficilmente identificabile alle piccole dimensioni come dice giustamente Hologon. Ma dato che il professionista difficilmente realizza un servizio col telefono ma preferisce la macchina su cavalletto e al contrario ognuno fotografa architettura al volo in modo più o meno casuale col telefono senza badarci tropo, ecco la differenza tra il primo e il secondo è soprattutto nello sguardo non solo nei pixel e a mio parere è abissale e distinguibile a occhi chiusi.

Inviato: 8/6 17:06

Modificato da archifoto su 8/6/2022 17:24:28
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ecco...ormai ci siamo

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Citazione:

pamar5 ha scritto:
. Io sfido a capire se un’immagine, vista poi su uno smartphone è stata scattata con una medioformato dotata di una lente professionale o con un iPhone. Magari qualcuno ci riesce (io no) ma penso non il 99.9% delle persone non addette ai lavori.

Marco


Guarda non ci credo, prendi una qualunque architettura, magari con luce serale fotografala col telefono e con la canon su cavalletto col decentrabile inquadrando bene, poi guarda le foto sullo schermo piccolo quanto vuoi, io ti assicuro le riconosco a occhi chiusi e sono certo anche tu!

Inviato: 8/6 14:25
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ecco...ormai ci siamo

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Citazione:

Hologon ha scritto:
-Ma scusa, ne ho bisogno subito, le fai con l'iPhone e sono già pronte! Al che ho declinato l'invito dicendo che poteva farsele anche lei, che il suo iPhone è migliore del mio, ha più MP e un processore migliore!


Questo atteggiamento non mi stupisce da parte di un committente inesperto e improvvisato e soprattutto che non vuole spendere. Io sono la "dimostrazione" che esiste anche il contario (per fortuna) perchè sto lavorando per un grosso studio di progettazione che si occupa di illuminazione pubblica e monumentale che, dopo essersi affidato al telefonino e all'amico appassionato, ha preferito affidarsi al sottoscritto che si prende i suoi tempi e i suoi modi. Inutile dire che sono molto felice di questa loro scelta sia perchè lavoro ma anche perchè hanno riconosciuto le differenze... Personalmente non ho mai creduto alla corsa al ribasso, ribassando i costi, le tecnologie e la qualità ma ho sempre cercato il contrario, cioè di offrire qualcosa che il telefono in mano a chiunque non ti può dare.

Inviato: 7/6 18:41
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ecco...ormai ci siamo

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Citazione:

orso ha scritto:
. Non ho idea di quanto costi uno smartphone di qualità Il senso potrebbe essere il risparmio(mai avuto uno smartphone in vita mia), ma penso molto meno di una digitale professionale.


Si non c'è dubbio che uno smartphone costi meno di una macchina professionale ma nell'economia di uno studio che lavora (non che si diverte su facebook) la differenza di un migliaio o due di euro non è certo sostanziale, tanto più che se lavori appunto le spese per la tecnologia le puoi detrarre dalle tasse. In alternativa nel mercato usato ci sono macchine di tutto rispetto al costo di un Iphone 13. Io ritengo che sia solo marketing per dire che ognuno può essere un "professionista", basta questo smartphone e diventi un fotografo "vero" coi flash e tutto il resto! Oggi il mercato è più rivolto agli smartphone, che ad ogni nuova uscita implementano l'apparato fotografico, che alle macchine vere e proprie, quindi dire che con questo non ci giochi ma diventi un vero fotografo mi sembra una grande idea pubblicitaria. Ma rimango scettico.

Inviato: 31/5 17:30
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ecco...ormai ci siamo

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Quando faranno lo smartphone col decentrabile allora ci potrò pensare... Ma a parte le battute, quale sarebbe il vantaggio di lavorare in studio col telefono al posto della macchina? Posso capirlo in una situazione particolare o di guerra dove devi essere leggero e veloce e non puoi andare in giro con la borsa piena di macchine obiettivi etc...ma in studio che hai tutte le comodità del mondo che senso ha? Boh per me è marketing !

Inviato: 30/5 18:29
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: prezzi troppo bassi?

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Grazie Fabio va bene risparmiare ma certi prezzi destano sospetto... e poi sono spudorati perchè un obiettivo simile a cento euro come si fa? chi ci crede? Magari qualcuno che cade in trappola c'è, poi ti arriva una scatola vuota e ti hanno fregato cento euro... Racconto anche un episodio di pseudo truffa che mi è capitato sulla baia poco tempo fa. Cercavo il 50 tse lo vedo nuovo "da errato acquisto" e il venditore dice che per il prezzo compralo subito devi contattarlo via mail, lo faccio e mi dice il prezzo, più di mille euro in meno che nuovo, ok dico ma dato che si parla di 1400 euro chiedo se posso pagare al corriere accollandomi le spese o avere qualche garanzia perchè faccio presente che su 400 pezzi in vendita (in scadenza tutti lo stesso giorno!) non c'e alcun feedback positivo...Dicono che in contrassegno non si può, prima paghi poi ti arriva il pezzo! Ovviamente rinuncio e il giorno della scadenza miracolosamente tutti i 400 pezzi in asta e il venditore stesso scompaiono!

Inviato: 19/5 10:57
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


prezzi troppo bassi?

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Questa mattina cercando un paraluce Canon per il 24 tse mi sono imbattuto in questo sito https://lovepg.xyz/index.php?main_page ... v49kjbp89o9mhkdul1uupqpm5 in cui i prezzi sono davvero ridicoli, in questo caso si parla di un 70-200 f 2,8 a 100 euro... va bene risparmiare ma secondo me non è affidabile. Non ho trovato alcuna recensione in rete. Meglio evitare? Cosa ne pensate?

Inviato: 18/5 10:18
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Notate un qualche ritorno della fotografia analogica?

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Citazione:

Photo8x10 ha scritto:
Mio padre, fotografo come me, mi dice sempre... il mondo va avanti... giusto guardare indietro, ma questo ti serve per fare passi avanti, perchè il mondo è davanti....


Tuo padre, certamente più anziano di noi, è avanti e poco passatista! complimenti al babbo!

Inviato: 13/5 16:23
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Notate un qualche ritorno della fotografia analogica?

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Condivido quanto detto da Luciano e da Photo 8x10, parlo del colore che era il mio pane quotidiano. Al tempo (non un secolo a ma 15-20 anni fa) il laboratorio professionale da cui si servivano i professionisti bolognesi sviluppava 2-3 volte al giorno, oppure portavi alla notte nella cassetta esterna e la mattina alle 8.30 c'erano i rulli o le piane belli e pronti. Tempi più rapidi che sviluppare oggi dei files raw! I costi erano umani ovviamente per via dei grandi volumi... oggi tutto questo non esiste più e sinceramente non mi manca a livello professionale. Per via del mercato che è cambiato non mi meravigliano quindi rarità e costi proibitivi di negativi e relativi sviluppi. Però dato che nessuno ci lavora più in 4x5 a colore credo che rimanga un "divertimento", al di là di ogni ambizione artistica o professionale per cui si è disposti a spendere anche cifre importanti come si fa per la bicicletta da corsa, la canna da pesca, la racchette da tennis etc... Dubito che in futuro ci sarà un'inversione di tendenza e il ritorno a grandi numeri ma al contrario credo che sarà sempre più raro e difficile fare fotografia in grande formato,un po' come chi oggi si dedica alla pratica del ferro battuto o alla tessitura al telaio.

Inviato: 13/5 11:27
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Notate un qualche ritorno della fotografia analogica?

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Non sono troppo tra i giovani ma pare anche a me che ci sia questa pratica dell'analogico ma più che una riscoperta o un ritorno la collocherei nella moda attuale che fa apprezzare tutto ciò che è "vintage" piuttosto che le reali qualità del bianco e nero stampato in c.o. La pratica del bianco e nero aimè per dare risultati soddisfacenti richiede tempo dedizione e sacrifici costanti ben maggiorni di ciò che serve per sviluppare un rullo e "scansionare" col telefono per vedere che effetto fa. Personalmente qualche rullo o qualche piana in bianco e nero li ho sempre fatti (le ultime nel 2020) ma la mia scarsa dimestichezza e poca pazienza lasciano che il durst 13x18 continui a dormire in studio. Se avessi uno stampatore lavorerei certamente di più col bianco e nero grande formato perchè mi piace l'idea che l'immagine stampata sia ottenuta con la luce e non con l'inchiostro.
Allo stesso tempo ho recentemente scoperto un nuovo marchio di pellicole b.n. nato tre anni fa, https://www.catlabs.info/category/film e ciò mi fa pensare che le mie impressioni possono essere sbagliate perchè per avviare una produzione industriale di pellicole medio-grande formato bisogna avere fiducia che questo sia un fenomeno in crescita e non un fuoco di paglia.

Inviato: 4/5 15:56

Modificato da archifoto su 4/5/2022 16:11:33
Modificato da archifoto su 4/5/2022 16:14:25
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Uno stato che agevola la fotografia e i fotografi

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Uscendo dal fatto personale che ho indicato e che mi fa arrabbiare, trovo la cosa poco sensata anche guardandola dalla parte "ministeriale" perchè in questo modo si fanno circolare soltanto miliardi di foto turistiche improvvisate, (basta cercare in rete qualunque monumento) che non pagano alcuna tassa ma che non rendono certo giustizia ad un intervento di restauro. Credo che uno scambio alla pari, permesso vs foto, potrebbe solo elevare il livelo delle immagini che documentano recuperi e resaturi del nel nostro "bel paese".

Inviato: 28/3 9:16
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: sviluppare col caffè, la vitamina C, la birra, la soda, le melanzane, i peperoni, il vino...

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Citazione:

gianlu64 ha scritto:
... la birra ed il caffè piacciono a tutte le età.


Si ma prima di metterci il negativo dentro !

Inviato: 25/3 16:26
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Uno stato che agevola la fotografia e i fotografi

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Credo che il divieto del cavalletto fosse riferito, e non solo a Roma, ma anche in tutti i giardini storici italiani ad esempio, al fatto che un tempo la fotografia professionale era fatta col cavalletto diversamente da quella a mano del turista. Era quindi immediato identificare il professionista e controllarlo se fosse in regola o meno con tasse e balzelli. Anche per me il cavalletto è importante ma con macchine stabilizzate e 50 mila iso credo che anche il concetto di professionismo dovrebbe essere aggiornato da chi è predisposto a controllare e sanzionare. Ciò che mi indigna maggiormente in questo discorso non è tento il fatto di chiedere permessi, ci può stare, ma il fatto di pagare 200 euro a foto che mediamente si vende a 80 quando va bene! Chi è quel fotografo che vende le foto a 400 euro l'una? Al ministero non hanno idea del mercato della fotografia professionale questo è la grande tristezza.

Inviato: 24/3 14:36
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Uno stato che agevola la fotografia e i fotografi

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 888
Offline
Luciano fortuna che c'era qualcuno che si occupava di semplificazione! Lo studio di progettazione è autorizzato a fotografare il proprio lavoro (si eseguito per lo stato) pagando i duecento euro a foto ! S'intende per ogni foto pubblicata, anche se la pubblicano nel loro sito che non è certo un luogo commerciale, e non scattata certo, nessuno credo fa un servizio scattando tre quattro foto e basta. Il paradosso è che in questo modo l'amministrazione, che si riempie la bocca di detenere la "Bellezza" del Paese, la restaura e non la mostra, o per mostrarla deve fare riferimento allo studio privato che, oltre a lavorare ai massimi ribassi deve pagare per regalarle le fotografie. Avrei accettato, già a fatica, uno scambio alla pari, cioè mi autorizzi le foto e te le regalo, ma cosi è assurdo e se me lo avessero raccontato non ci avrei creduto!

Inviato: 24/3 8:38
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci



 Inizio
(1) 2 3 4 ... 45 »




Partners





Mercatino
Utenti Online
71 utente(i) online
(69 utente(i) in Forum)Iscritti: 0
Ospiti: 71
altro...
Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 px o superiore
     
Privacy Policy