Utente: Ospite
Cerca nel sito
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!


Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi





Digitalizzazione negativo colore c41

Iscritto il:
2/12/2011 15:39
Da Padova
Messaggi: 45
Offline
Un saluto a tutti.
Premetto che è da un po di tempo che digitalizzo, con buoni risultati, negativi in bianco e nero e diapositive colori E6 con la macchina digitale. Ora, ho ripreso in mano alcuni negativi colore c 41 che vorrei digitalizzare con la stessa tecnica, e qui la domanda:
Qual'è la corretta temperatua della luce che illumina il negativo e/o il corretto bilanciamneto del bianco che bisogna impostare in macchina per ottenere, appunto, un negativo digitale con i giusti colori da invertire poi con Photoshop?
Grazie.

Inviato: 9/12/2022 10:26
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Digitalizzazione negativo colore c41

Iscritto il:
18/10/2007 15:59
Da Torino
Messaggi: 1069
Offline
spero di non attirarmi gli strali di coloro che ne sanno più di me: il bordo del negativo ripreso (ammesso che sia compreso nella digitalizzazione) può essere utilizzato poi in camera raw come punto di bianco e da lì proseguire poi con l'inversione.

Inviato: 9/12/2022 11:46
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Digitalizzazione negativo colore c41

Iscritto il:
3/8/2018 21:09
Messaggi: 7
Offline
Riguardo alla temperatura colore, deve essere la stessa che setti nella maccchina con cui fai la ripresa/nel programma di conversione RAW.

Riguardo all’uso del bordo del negativo per prendere il bianco, qui c’è il tema del bilanciamento colore delle scansioni, che non verrà mai risolto perché ciascuno ha le proprie preferenze.
Noto peró che:
- Il bordo è nero, quindi si prende il bianco sulle ombre, e questo rende difficile che tutta l’immagine sia equilibrata. Se bastassere fare così, i programmi di scansione non avrebbero i profili pellicola.
- In ogni caso neutralizzare tutta la gamma dal nero al bianco, alla fine annulla le peculiarità della pellicola, una delle ragioni per scattare su film, a mio parere (ma questa è una preferenza).
- I programmi di conversione degli scanner indicano di eliminare il bordo prima della conversione, e lo stesso fanno alcuni programmi pensati per l’uso delle reflex (tipo Negative Lab Pro). Credo che la ragione sia quella indicata sopra.


Inviato: 9/12/2022 14:22
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Digitalizzazione negativo colore c41

Iscritto il:
2/12/2011 15:39
Da Padova
Messaggi: 45
Offline
Grazie, qundi, se ho capito bene, imposto nella fotocamera la temperatura colore do 5000k (che è la stessa della mia fonte di illuminazione) e poi inverto con photoshop.
Grazie,

Inviato: 9/12/2022 14:52
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Digitalizzazione negativo colore c41
Amministratore
Iscritto il:
11/10/2005 16:37
Da Roma e Abruzzo
Messaggi: 1153
Offline
Ciao Omas,
scoprirai che l’inversione dei negativi colore è una sorta di pratica esoterica alla quale, nel tempo, sono state dedicate teorie, procedure, software e riti di vario genere ; questo è principalmente dovuto alla presenza della maschera arancione (colorazione del supporto) che differisce da pellicola a pellicola ostacolando la realizzazione di un processo di inversione standard.

Molti software di scansione dispongono dei preset e di profili di inversione specifici per tutte le pellicole note, inoltre esistono software e plug-in che basano il proprio funzionamento sulla “conoscenza” delle caratteristiche della maschera di ciascuna pellicola (uno di questi, ottimo, si chiama Color Perfect).

Senza questi software è ugualmente possibile ottenere ottimi risultati, purchè, come avrai capito dagli interventi di Sander e SandroM, tu disponga di un pezzetto di fotogramma che non abbia ricevuto luce, che quindi abbia una colorazione costituita soltanto dalla maschera del negativo (tipicamente lo spazio che c’è tra un fotogramma e l’altro è ottimo per questo scopo).

Un metodo di inversione abbastanza snello può sfruttare una funzione di Photoshop non molto nota ma che produce risultati più che decorosi:

1) Digitalizza il negativo colore come fai normalemnte per le diapositive, assicurantodi solo di includere una piccola porzione di fotogramma non esposta ma non includere nulla che sia al di fuori del fotogramma; se nell’inquadratura finisce un pezzo della struttura con la quale sorreggi il fotogramma, taglialo via con un crop prima di procedere con lo step 2.

2) Apri il file in Photoshop e seleziona “Image -> Adjustements -> Curves ..”, nella casella “Preset” della schermata che si apre, seleziona “Color Negative (RGB) e dai "OK".

3) Fai un nuovo crop per eliminare dal fotogramma la porzione di pellicola non esposta (che ora sarà diventata nera).

In genere il risultato è abbastanza equilibrato (anche se, come sottolineato da SandroM, avrai perso gran parte del "carattere" di quella specifica pellicola), non ti resta che fare gli ultimi aggiustamenti in base ai tuoi gusti.

A presto.

Fabio

Inviato: 9/12/2022 16:01
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Digitalizzazione negativo colore c41

Iscritto il:
2/12/2011 15:39
Da Padova
Messaggi: 45
Offline
Rigrazio di cuore Fabio, Sandro e Sander per le gentili risposte, ma non ho capito una cosa sul procedimento spiegato da Fabio:
che differenza fà per photoshop (o meglio x il comando -curve- negativo colore) che ci sia o no un pezzetto di pellicola non impressionata?
Oppure ho capito male io, nel senso che prima della conversione bisogna fare il punto di bianco (con la pipetta bianca di PS) appunto sul pezzettino non esposto?
Grazie ancora e buona notte.

Inviato: 10/12/2022 1:17

Modificato da ometto su 10/12/2022 1:36:20
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Digitalizzazione negativo colore c41
Amministratore
Iscritto il:
11/10/2005 16:37
Da Roma e Abruzzo
Messaggi: 1153
Offline
Ciao Omas,
l’algoritmo implementato in “Curve-> Negativo colore” assume che la zona meno densa nell’immagine (quando è ancora negativa) sia la maschera del negativo e la utilizza per “sottrarla” durante l’inversione.

Il comando potrebbe ugualmente funzionare se nella scena ripresa c’era almeno una zona di nero, esposta in modo tale da produrre sul negativo una zona senza alcuna densità, tuttavia non puoi mai avrere la certezza, da una ispezione visiva, che l’immagine sul negativo contenga questa “area di riferimento”, per questo il metodo più sicuro è includere nella digitalizzazione una piccola area che di sicuro non è stata esposta e questa è certamente il bordo del fotogramma.

Con questo procedimento non devi fare tu il punto di bianco (scegliendo l’area più trasparente) perchè, appunto, lo fa automaticamente l’algoritmo.

A presto.

Fabio

Inviato: 10/12/2022 12:03
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Digitalizzazione negativo colore c41

Iscritto il:
2/12/2011 15:39
Da Padova
Messaggi: 45
Offline
Ok , adesso ho capito. E' lo strumento che tiene conto in automatico della doninante del pezzettino non esposto.
Grazie infinite, mi avete illuminato. Senza le vostre spiegazioni non avrei preso in considerazione lo strumneto specifico per l'inversione delle curve, avrei sicuramnete sbagliato invertento semplicemente con il comando "CTRL + I", che invece uso per i negativi bianco e nero.
Grazie, ancora.
A presto.
Omas.

Inviato: 10/12/2022 15:10
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Digitalizzazione negativo colore c41

Iscritto il:
18/10/2007 15:59
Da Torino
Messaggi: 1069
Offline
https://grain2pixel.com/

girovagando in rete ho trovato questo software.

Inviato: 13/12/2022 11:35
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Digitalizzazione negativo colore c41
Moderatore
Iscritto il:
4/11/2005 13:12
Da Roma
Messaggi: 9962
Offline
Vorrei aggiungere un'osservazione.

Alcuni negativi colore, in particolare il Kodak Ektar 100, sfruttano un qualche tipo di reazione tra copulanti che produce una sorta di effetto maschera di contrasto attorno alle zone non esposte.

Come risultato, in scansione si producono (piccole) zone in cui, sul canale rosso, la luminosità è maggiore di quella della maschera.
Conseguenza, la maschera non va più bene come riferimento assoluto del nero per l'inversione.

Ho notato questo (perniciosissimo) effetto solo sull'Ektar 100 per ora, ma fa diventare pazzi in sede di inversione, a meno di non sacrificare un po' di dettagli nelle ombre.

Avevo scritto qualche post con esempi ma non riesco più a trovarlo.

Fer

Inviato: 14/11/2023 9:30
Tessera C.F.A.O. n°14
Gallery (pBase)

** Si ricorda di leggere bene il REGOLAMENTO ** ....
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Partners





Mercatino
Utenti Online
99 utente(i) online
(97 utente(i) in Forum)Iscritti: 0
Ospiti: 99
altro...
Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 px o superiore
     
Privacy Policy