Utente: Ospite
Cerca nel sito
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!


Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi





REANALOG WORKFLOW

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 797
Offline
Ora che sto rivalutando la stampa tipo light jet Mi sono imbattuto in questo processo di stampa https://www.recom-art.de/en/large-format-print, non che mi interessi direttamente perchè grandi formati non ne faccio ma mi pare interessante ciò che il mio inglese maccheronico mi fa capire, un insieme di tecnologia analogica e digitale al fine di effettuare enormi ingrandimenti attraverso un negativo digitale...anche se non mi è chiaro il funzionamento di questi negativi digitali.

Inviato: 13/1 12:17
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: REANALOG WORKFLOW

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 797
Offline
Chiedo scusa per il titolo in maiuscolo non è per farmi notare ma l'ho copiato direttamente dal sito e non me ne sono accorto subito.

Inviato: 14/1 8:17
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: REANALOG WORKFLOW

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 777
Offline
Forse a causa del mio inglese, quasi sicuramente peggiore del tuo, anch'io non ho capito niente.

La frase: Since digital direct exposures, such as Lambda and LightJet, are subject to size limitations, we create unique high-resolution negatives of digital files which allow for analog enlargement. This effectively overcomes any size limitations and the need for several splice joints. non mi è del tutto chiara.

Mi sembrerebbe che creino un unico negativo (analogico) ad alta risoluzione da files digitali, adatto per ingrandimenti analogici. Infatti alla fine, tra i vantaggi, cita l'archiviazione analogica su negativo.
E dice che questi negativi, permettendo la stampa analogica, superano le limitazioni delle dimensioni di stampa delle varie Lambda e Lightjet, che stampano su carta chimica, e che probabilmente sono dimensionate sui massimi formati di carta chimica in commercio.
Ma allora, questi negativi che loro ottengono, poi con cosa e su che cosa vengono stampati?
Ammetto di non aver capito.

Inviato: 16/1 10:36
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: REANALOG WORKFLOW

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 797
Offline
Citazione:


Ma allora, questi negativi che loro ottengono, poi con cosa e su che cosa vengono stampati?
Ammetto di non aver capito.


E' proprio questo è il centro del mistero!! Forse L'amico Marco MXA col suo inglese fine e con molte più conoscenze tecniche di me potrebbe svelare l'arcano.

Inviato: 17/1 14:42
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: REANALOG WORKFLOW

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 777
Offline
Credo anch'io che sia l'unico in grado di tradurre bene... speriamo che legga.

Inviato: 22/1 8:42
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Partners





Mercatino
Utenti Online
40 utente(i) online
(37 utente(i) in Forum)Iscritti: 0
Ospiti: 40
altro...
Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 px o superiore
     
Privacy Policy