Utente: Ospite
Cerca nel sito
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

   Tutti i post (orso)


(1) 2 3 4 ... 33 »


Re: Computer... cosa scegliere.

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Citazione:

bogosoo ha scritto:
Per quanto riguarda l'archiviazione, nessuno di voi conosce dei servizi di file hosting appositi per la fotografia ?

Da ignorante in materia chiedo: quali sono i vantaggi dei "servizi di file hosting" (che non so neppure cosa siano) rispetto all'archiviazione su HD esterni (che invece so cosa sono)?
Tutti quelli che conosco, sia professionisti che fotoamatori, vedo che archiviano su HD esterni, magari più copie.

Inviato: 22/1 21:03
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Acquisto materiale fotografico

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Citazione:

gianlu64 ha scritto:

In effetti l'aumento significativo è quello di Kodak.

La causa: forte aumento di richiesta delle pellicole Kodak.

Una notizia buona e una cattiva.

Inviato: 12/1 11:28
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Consumo Ink

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Citazione:

archifoto ha scritto:
A volte la tonalità "più scuro" è effettivamente un po'scura ma basta cambiare su normale (credo si chiami così vado a memoria dato che la epson è morta) e dà ottimi risultati.

E' la prova che farò appena rientro a fine anno.
Il fatto che per stampe BN mi consumi un sacco di Cyan e Magenta mi da "psicologicamente" fastidio...

Inviato: 5/12 14:07
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Consumo Ink

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Quei 2 o 3 profili canned che ho scaricato, non mi soddisfano e anch'io gli preferisco l'ABW.
Per me rimane il problema di quel forte consumo di LM e LC nella stampa BN col profilo fatto ad hoc sulla carta. Con l'ABW probabilmente non ce lo avrei.
Però, magari, se quel LM e LC vanno a darmi dei grigi (le stampe risultano perfettamente neutre), con l'ABW avrei più consumo di LK e LLK ?
Ho provato a porre la domanda al servizio di assistenza tecnica Epson di Roma, ma non hanno saputo rispondere...

Inviato: 3/12 19:29
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Consumo Ink

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Ho citato quel sito perché dimostra quello che dice con delle misure. Se poi sono dati inventati per invogliare la gente a farsi fare il profilo da loro, io questo non lo so.
Però fatico a credere che l'ABW di Epson, studiato per le carte Epson, applicato a qualsiasi carta dia risultati addirittura superiori rispetto a quelli che si ottengono profilando la specifica carta. A cosa servono gli spettrofotometri?
Io l'ho provato una sola volta all'inizio, ed avendo notato una (leggera) chiusura delle ombre rispetto alla stessa stampa gestita da PS col profilo fatto sulla carta, l'ho abbandonato.
L'avevo provato con "tonalità colore: neutra" (è quella che dovrebbe usare solo il nero e i grigi) e "tono: più scura".
Usi anche tu questi parametri? Hai confrontato le stampe con quelle ottenute col profilo fatto ad hoc?
Avevo anche confrontato l'ABW coi profili canned di un paio di carte, e lì vince l'ABW.

Ragionandoci, potrebbe essere che il profilo fatto sulla mia carta la "veda" leggermente calda, e quindi faccia stendere un leggero velo Blu (Cyan + Magenta) su tutta la stampa per neutralizzarla. Cosa che poi ad occhio io non noto, come ho già scritto. La nota invece il mio portafoglio, perché 2 cartucce di colore su circa 400 stampe A4 BN si sentono...
Farò ancora qualche prova provando a variare il "tono".

Inviato: 28/11/2019 18:28
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Aiuto: consigliatemi una stampante

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Credo che qualitativamente sia al top.
Per il costo degli ink (euro/cc) si va dagli 1,2 della P400 con cartucce da 14 cc, agli 0,4 (cioè un terzo) per i modelli grandi che montano le cartuccione da 700 cc.

Inviato: 27/11/2019 14:03
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Consumo Ink

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Citazione:

pamar5 ha scritto:
Devi stampare avvalendoti dei driver della stampante e NON lasciare il tutto sotto controllo di PS. Otterrai stampe B&N migliori senza il minimo accenno di dominanti colore

Mah..., sul fatto che si ottengano risultati migliori con l'ABW che con un profilo ad hoc si trovano pareri contrastanti.
Io non sono certo un esperto, ma provando a stampare facendo gestire il tutto dalla stampante con l'ABW, ottengo risultati peggiori che non gestendo la stampa da PS col profilo della carta (fatto col Munky di un amico). Nel senso che le ombre mi appaiono più chiuse con l'ABW (perdita di dettaglio nei grigi molto scuri).
Questa pagina sembrerebbe darmi ragione: http://www.gabrieledanesi.com/profili-colore-stampa-fineart.html
Non noto invece alcuna dominante di colore con entrambi i metodi.
Non sono in grado di dire se stampando con l'ABW ci sia consumo notevole di light cyan e light magenta, perché l'ho solo provato in qualche stampa e poi abbandonato per il problema delle ombre più chiuse. Ma non dovrebbe.
Però, allora, dove vanno a finire tutto il cyan e il magenta consumati applicando il profilo?

Inviato: 27/11/2019 13:53
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Consumo Ink

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Stampo con una Epson P800 esclusivamente in BN con profili gestiti da PS, su carta baritata usando Nero Foto, e tonalità neutra.
Mi consuma più Light Magenta e Light Cyan che Nero Foto (PK). Secondo voi è normale?

Inviato: 27/11/2019 9:10
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Aiuto: consigliatemi una stampante

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Citazione:

FranzX ha scritto:
Domani devo comprare una stampante fotografica

A quest'ora l'avrai comprata...
Stampanti A4 che offrano la massima qualità non esistono. Il formato massimo più piccolo è ormai l'A3+, e si trovano col budget che indichi.
Se la persona la userebbe abbastanza, bisogna prendere in seria considerazione la capacità delle cartucce, non tanto per l'autonomia quanto per il costo/cc, che a parità di ink varia moltissimo.

Inviato: 27/11/2019 9:03
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: portanegativo autocostruito per 8x10

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Citazione:

FabioBi ha scritto:
Un'altra possibilità, per evitare troppo vetro, potrebbe essere, una lastra di vetro su cui poggiare la pellicola ed una cornice per tenere schiacciati i bordi.

Secondo me è la soluzione migliore.
Un 8x10 è un lenzuolo. Non basta tirarlo per il perimetro, al centro fletterà sempre un po' per via del peso.
Tanto per fare un esempio... se prendi un tondino di ferro diametro 1 cm e lungo 3 m, e lo appoggi ai due estremi, questo farà pancia di sotto. Se lo pinzi e lo tiri agli estremi, la pancia diminuirà, ma non verrà mai perfettamente in piano perché prima comincerà ad allungarsi. Non so quantificarlo in termini di pellicola 8x10, ma il concetto è più o meno questo.

Inviato: 27/11/2019 8:55
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: OBA

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Citazione:

pamar5 ha scritto:
insomma non si riesce a capire un cavolo.

Dici bene.
Ad un certo punto, quando la fotografia argentica raggiunse la piena maturazione, si cominciò a far uso del termine Fine Art per designare stampe della massima qualità ottenute con tutte le cure. Cartoncini baritati, sviluppi in vaschetta, lavaggi maniacali, ecc.
Il termine traslò poi alla stampa inkjet quando questa raggiunse il top della qualità. Ed ognuno ci mise dentro quello che voleva. Acid free, assenza di OBA, pigmenti carbone, carta cotone, ecc.
La carta si è sempre fatta partendo dalla cellulosa, quindi un cartoncino fatto partendo da stracci di cotone (cotton rag) risulta molto più figo. E più Fine Art.
Ovviamente non solo la carta deve essere acid free, ma anche l’adesivo usato per incollarla sulle pagine di un album, e ovviamente l’album stesso e l’armadio nel quale viene conservato l’album. Se poi è acid free anche la stanza dove è collocato l’armadio, tanto meglio, la foto è ancora più Fine Art.
Io ho smesso da tempo di seguire queste cose. Il mercato delle carte ha raggiunto uno standard qualitativo eccellente, e se si sta nella fascia alta va tutto bene. Non so se gli OBA deteriorino la qualità dell’immagine nel tempo… io uso una baritata che mi piace e che nella scheda tecnica ha scritto: “Quantità di OBA: moderato. Rispetta gli standard della norma ISO 9706 per garantire la massima conservazione delle stampe.” Non sono mai andato a leggermi quella norma, ma essendo una delle carte più usate al mondo, vado tranquillo.

Inviato: 15/11/2019 9:38
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Testa compatibile per Manfrotto

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Concordo con Archifoto, una testa da una cinquantina di euro ti farà odiare ancor più il cavalletto.

Inviato: 15/11/2019 9:24
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Consigli per scansioni con Nikon Coolscan 5000 ED

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Aggiornamento.

Ho fatto fare la pulizia dello specchio e del sensore (a detta del fotoriparatore che l'ha eseguita, ne aveva bisogno, soprattutto lo specchio), ma il problema degli aloni scuri è rimasto tal quale.
Cercando in rete, pare sia un problema congenito di questi scannerini, in particolare dei Nikon https://www.photoactivity.com/Pagine/A ... %20in%20the%20Scanner.asp

Probabilmente facendolo viaggiare più lentamente il problema sarebbe diminuito o scomparso, e magari mettendo un obiettivo meno luminoso la pdc sarebbe aumentata e si sarebbero ottenute scansioni più a fuoco, però ancora più lentamente...,ma, si sa, i fotoamatori hanno fretta...

Veramente uno strumento con un sacco di limiti!

Inviato: 15/11/2019 9:22
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Il Nikon supercoolscan 5000 ed non viene piu' riparato...

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Per usare NikonScan con W7 devi caricare i driver di VueScan come indicato nella discussione qualche riga sotto sul 5000. Io ho fatto così, e funziona.
Se veramente hai problemi di hardware, anch'io ti consiglio di sentire Pravo a Milano.

Inviato: 8/11/2019 21:24
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Fine Art vs Cotton Rag

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
La definizione "Cotton Rag" indica carte con un supporto in cotone.
La definizione "Fine Art" indica... niente!
Cotone e cellulosa riguardano il supporto.
La fotografia, cioè l'immagine che vediamo con gli occhi, si forma su ciò che sta sopra il supporto, per cui il supporto non influisce sull'immagine. Quindi, ai fini della qualità d'immagine, cotone o cellulosa sono equivalenti.
La "rigabilità" riguarda lo strato di coating.
La rigidità è funzione dello spessore del supporto.
L'archiviabilità è funzione della quantità di sbiancanti ottici aggiunti. Tutte le carte sono ormai acid free.
Credo che l'unica vera differenza riguardi il tatto. Ma non sono esperto in questo campo...

Inviato: 6/11/2019 14:05
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Carte baritate per inkjet

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Citazione:

archifoto ha scritto:
Che sia proprio lo strato di bario ad essere così delicato e soggetto alle rigature di cui sopra?

No, lo strato di solfato di bario sta sotto a quello che assorbe gli ink, cioè è sotto l'immagine. Per rigarlo bisognerebbe grattar via prima l'immagine.

Inviato: 6/11/2019 13:49
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Carte baritate per inkjet

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Citazione:

archifoto ha scritto:
A mio parere le baritate per ink hanno solo il nome in comune con le carte baritate per il bianco e nero da camera oscura.

Molto probabilmente lo strato superficiale protettivo, in un caso sopra l'emulsione fotografica e nell'altro caso sopra lo strato poroso che deve assorbire gli ink, può essere più robusto nel primo caso, e più sottile/debole nel secondo, dove deve essere attraversato dagli ink. Questo spiegherebbe la maggior robustezza delle carte fotografiche chimiche rispetto alle inkjet.
Tra le inkjet, le baritate e le semiglossy in genere sono le più resistenti e si rigano meno delle lucide e delle matte.

Rimane il fatto di volerle maneggiare... molte foto vecchie/antiche venivano incollate su un cartoncino più grande, magari recante inciso il nome dello studio fotografico, o comunque stampate con ampi margini bianchi (cosa che si può fare anche con l'inkjet) proprio per permettere di prenderle in mano senza passare le dita sull'immagine.
Io non sopporto i guanti..., non li metto né a cambiare l'olio alla macchina, né a vangare l'orto, né a impastare cemento, né a tagliare legna..., solo a potare le rose e a maneggiare le stampe inkjet!

Inviato: 5/11/2019 9:06
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Carte baritate per inkjet

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Sto iniziando ora a stampare seriamente, e non sono certo un esperto di carte. Come già scritto nell'altra discussione, per me (e anche per Wing) il top delle baritate è la Canson Baryta Prestige.
Per l'uso che ne faccio io (incollaggio su album) è però troppo spessa (340g) e non la posso usare.
Per cui uso la più modesta Canson Baryta Photographique, oppure la Felix Baryta, o ancora la Innova Exhibition Photo Baryta. Tre carte da 310g assolutamente indistinguibili, almeno sulla stampa BN.

Inviato: 31/10/2019 22:04
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Consigli per scansioni con Nikon Coolscan 5000 ED

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
In effetti ha raggiunto quotazioni altissime, anche su ebay,a mio avviso ingiustificate, vista la spiccata "fotoamatorialità" dello scanner e la mancanza di assistenza ufficiale e ricambi.

Inviato: 31/10/2019 21:51
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Consigli per scansioni con Nikon Coolscan 5000 ED

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 651
Offline
Grazie Fabio, preziosissimo come sempre.
Concordo con le motivazioni che ipotizzi.
Sono convinto che lo smusso nella parte dove arriva la luce serva, per cui dovrei allargare la mascherina con la lima mantenendolo. Cosa che non mi sento di fare per l'alta probabilità di fare un pasticcio. Mannaggia!
Terrò gli occhi aperti caso mai si presentasse un FH-3 in vendita a prezzo umano.

Inviato: 28/10/2019 8:49
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci



 Inizio
(1) 2 3 4 ... 33 »




Partners








Mercatino
Utenti Online
33 utente(i) online
(30 utente(i) in Forum)Iscritti: 1
Ospiti: 32
marko, altro...
Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 px o superiore
     
Privacy Policy