Utente: Ospite
Cerca nel sito
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!


Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi





Quale identità italiana?

Iscritto il:
23/6/2022 9:20
Messaggi: 107
Offline
Oggi si parla di quella povera ragazza e quella povera creatura di 7 mesi che portava con sé, annientate da una malattia che si sta diffondendo sempre più anche nella società italiana, la violenza.
Mi chiedo se a nessuno viene il dubbio che quei valori a cui ci si appella quando si parla della identità della nostra cultura, stanno scomparendo e non si ripristinano con un decreto.

Da piccolo chi ha la mia età non può non aver letto il libro Cuore, magari certi valori oggi possono essere assai sbiaditi, ma chi fra i bambini di oggi lo legge? Quale dei loro genitori lo ha letto? La nostra cultura (anche e soprattutto quella cattolica) ci ha insegnato il rispetto e la sacralità della vita umana, cosa ne rimane oggi a quei bambini che per svagarsi passano ore ad uccidere nemici nei videogiochi impugnando le armi più varie, staccando arti, spappolando cervelli, imbrattando muri e strade di sangue. Quelli un po’ più grandi guardano i film di Tarantino dove spappolamenti e sangue, violenza titanica, sono sparsi a iosa. Girando i canali in TV è impossibile non incrociare un film dove qualcuno ammazza qualcun altro.

Di quale identità culturale italiana stiamo parlando quando il cinema, la TV, i videogiochi, i social, ci ci bombardano da decenni di violenza, edonismo e spazzatura. Non è più solo un danno per i bambini di adesso, è un danno e uno stravolgimento culturale che c’è già stato per i loro genitori. Per coloro che devono trasmettere una identità culturale ormai perduta, ai loro figli.

Ma non c’è nessuno che dica basta con la cultura della violenza, con la cultura dell’edonismo fine a se stesso, con il disprezzo che definisce “buonismo” l’essere contro la violenza, il disprezzo e la sopraffazione? Non c’è nessuno che dica che non è “buonismo” avere empatia, dare aiuto come quei meravigliosi ragazzi e forze istituzionali nella calamità in Romagna, una aiuto che ispira anche una delle divinità indiane come Tara raffigurata con un piede in atto di alzarsi per soccorrere?

Si cominciasse a vietare la violenza nei videogiochi e nel cinema. Lo si faccia trasmettendo in TV film francesi, italiani, indiani, cinesi ecc., di tanti bravissimi registi che non hanno fatto carriera sfruttando la facile presa sul pubblico della violenza nelle loro trame. Questo sarebbe un primo passo per recuperare le radici culturali di quegli italiani “brava gente” che ci sono e ci sono stati, (ma non erano quelli che hanno commesso atrocità in Africa nelle colonie e in Grecia durante la seconda guerra mondiale, a loro la violenza era già stata insegnata).

Lo dico qui in un luogo dove il “Click” che ci piace non è quello di un grilletto ma quello di un otturatore della fotocamera, per cui credo di essere compreso.

Inviato: 1/6 22:48
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Partners





Mercatino
Al momento non ci sono annunci.
Utenti Online
57 utente(i) online
(53 utente(i) in Forum)Iscritti: 0
Ospiti: 57
altro...
Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 px o superiore
     
Privacy Policy