Utente: Ospite
Cerca nel sito
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!


Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi



« 1 (2)


Re: 35mm Leica a confronto

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 723
Offline
se mi è consentito, e non a fini pubblicitari, se vai qui:

http://www.leicapassion.com/forum/viewforum.php?f=1

troverai Roberto Ottavi, che penso abbia tutti i Leitz prodotti (o quasi) e li abbia provati e testati.

Inviato: 28/5/2008 14:56
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: 35mm Leica a confronto
Moderatore
Iscritto il:
8/2/2005 19:08
Da Lombardia
Messaggi: 5191
Offline
Al di là  delle tante ed autorevoli risorse disponibili in rete e bibliografiche, non sarebbe una cattiva idea se i possessori di 35 M presenti sul forum commentassero gli esemplari in loro possesso: qualcuno lo ha già  fatto, se altri si aggiungessero, forse questo potrebbe aiutare la scelta.


Andrea

Inviato: 28/5/2008 19:30
art is what you can get away with, Andy Warhol
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: 35mm Leica a confronto

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 723
Offline
Open in new window

Il mio è questo. Il Summaron 35/2,8.
Lente anteriore al lantanio.
Il motivo della mia scelta è stato meramente economico.
Lo so, un summilux sarebbe stato migliore, ma avrei speso molto più del doppio.
E la mia M6 la uso per fotografare (molto spesso in viaggio) e non per adorazioni collezionistiche.
Forse, se i prezzi continueranno ad andare in picchiata come ora, fra sei mesi comprerà qualcosa di meglio.
Lo uso esclusivamente per il bianco/nero, quidi non ne posso al momento giudicare la resa cromatica.
Distorsioni e vignettatura sono praticamente assenti, chiudendo di un diaframma.
La resa dello sfuocato non è a livello dei summicron, ma a me non interessava eccessivamente, impiegandolo quasi sempre per street.
Il contrasto generale lo trovo più che buono.
Buona serata.

Inviato: 28/5/2008 20:26
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: 35mm Leica a confronto
Utente non più registrato
Ciao
Questa la mia esperienza sul campo

Sto usando da tempo e contemporaneamente il 35 summilux preasferico e il 35 summilux aspherical
Il primo è un’ottica che a volte fa arrabbiare e altre volte innamorare.
Arrabbiare perché ai diaframmi aperti in controluce soffre di flare, un contrasto basso e una curvatura di campo evidente. Devo dire però che fotografando in ambienti chiusi anche con figure, la curvatura di campo aumenta il senso di tridimensionalità . Basta chiudere di uno o due stop e le imperfezioni sopra citate rientrano nella norma. Fa innamorare perché il resto è tutto a suo favore, buona distorsione, ottima scala tonale e lettura nelle ombre, bassa vignettatura ma soprattutto la resa dei colori e uno sfuocato magnifico che secondo me neppure il fratello maggiore riesce ad eguagliare. Anche le dimensioni sono un punto a suo favore. C’è da dire inoltre che è stato in produzione per molti anni, credo più di 30 e fra i primi e gli ultimi modelli ci saranno sicuramente delle differenze. Quello che ho io è uno degli ultimi prodotti a Wetzlar.
Il 35 aspherical è la perfezione allo stato puro. A tutta apertura ha una resa ineguagliabile ed è un po’ secco ai diaframmi intermedi: troppo perfetto.
Non ho avuto modo di provare l’asferico attuale ma non credo ci siano differenze visibili sul piano della pratica d’uso.
Non li ho mai confrontati con test e misure di linee per millimetro ma come ho già  scritto solo sul campo.
Antonio

Inviato: 28/5/2008 21:01
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: 35mm Leica a confronto
Utente non più registrato
qualcuno mi sa dire come è che che valutazione ha è il summilux 35/1.4 M made in germany, datato 1987, con matricola 3.4xx.xxx?grazie!

Inviato: 11/6/2008 18:57
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: 35mm Leica a confronto
Utente non più registrato
In buone condizioni supera i 1000 euro
ovviamente con scatolo tappi e paraluce

Inviato: 11/6/2008 19:21
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: 35mm Leica a confronto

Iscritto il:
27/4/2006 13:48
Da Roma
Messaggi: 2602
Offline
Avevo un summilux con un difetto stranissimo: un pezzo di metallo dello stringilamelle del diaframma era piegato ed invadeva la superficie interna dele lenti fino a f/5.6.
Eppure non dava alcun fastidio, nemmeno nei controluce.
Mi fu rubato insieme a tutta l'attrezzatura con una pistola sotto il mento.
Lo sostituii con un altro summilux, ed è incredibile la costanza di qualità -

il summilux è quello che uso tutti i giorni e, in sintesi, ecco le caratteristiche sul campo:

sfocato perfettamente intelligibile
contrasto alto ma non eccessivo
esente da vignettatura anche a tutta apertura
scomodo nell'uso dei filtri perché è privo di filettatura e sono inseriti nel paraluce che si applica all'ob. con un sistema a serraggio con due pulsanti (e questo lo rende facilissimo da togliere e mettere), ma il filtro è chiuso nel paraluce. usa quindi solo filtri leitz senza filettatura e con montatura sottilisima (E7)che sono scomodi da cambiare. se si usa solo un uv o sempre lo steso filtro, allora è un sistema ecellente.

il summicron 8 lenti ha ben poche diferenze qualitative con il summilux.
E' meglio nell'intellegibilità  dello sfocato del summilux ma un contrasto leggermente più basso che un occhio attento puà rilevare nelle basse luci. In sostanza registra meno dettagli sul piede della curva ed è leggermente meno "tridimensionale" del summilux.

Cià detto, devo rilevare che tra i numerosi 35 che ho avuto, di vari sistemi (summicron, summaron, summilux, zeiss, zuiko, nikkor, canon, takumar e persino jupiter) questi due sono di gran lunga superiori e non so mai quale scegliere. Così ho deciso di portarli con me entrambi nella maggior parte delle situazioni: il summicron ha un filtro giallo permanente montato e lo uso per lo più in esterno diurno, il summilux fa tutto il resto.



Inviato: 12/6/2008 22:43
Franz ...Tessera "Bromuro d'argento" C.F.A.O. n. AgBr 31......
--------------------------------------
www.franzgustincich.it - Empirici di tutto il mondo, unitevi!......
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: 35mm Leica a confronto

Iscritto il:
4/3/2013 14:23
Da Savona
Messaggi: 153
Offline
Franz io ho un 35 summicron IV Germany versione silver matricola molto alta 361... e ne sono soddisfattissimo soprattutto per la resa nel bianco e nero ( lo uso su M 240 ).
Da un po' di tempo mi sto interessando al 35 summicron 8 lenti che mi piacerebbe usare sempre per il bianco e nero.
Pensi che ne rimarrei deluso o entusiasta ?

Grazie per eventuale risposta

Antonio

Inviato: 13/10 23:27
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: 35mm Leica a confronto

Iscritto il:
27/4/2006 13:48
Da Roma
Messaggi: 2602
Offline
Non ho mai usato il summicron IV, considerato dagli estiatori il 35 con il miglior bokeh posibile. Siamo abbastanza cresciuti, tuttavia, per sapere che il gradimento di un bokeh è facenda soggettiva.

Avvalendomi della solita nasometria empirica, però, sarei portato a dire che il summicron IV, rispetto all'8 lenti, abbia un maggior microcontrasto. L'8 lenti mi è piaciuto fin dal primo rullo proprio perché era un pò più morbido della media di wetzlar. Questa sua caratteristica viene tradotta da alcuni con "plasticità".

Inviato: 15/10 6:43
Franz ...Tessera "Bromuro d'argento" C.F.A.O. n. AgBr 31......
--------------------------------------
www.franzgustincich.it - Empirici di tutto il mondo, unitevi!......
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: 35mm Leica a confronto

Iscritto il:
25/8/2005 8:38
Messaggi: 2892
Offline
La mia curiositá - un pochino da appassionato di ottica, un pochino per interessi mercantili e personali - é se queste differenze di resa si vedono anche in una Monochrom digitale.

(Il tema é più generale, ovviamente, cioé se le caratteristiche di resa non misurabili (“secchezza”, “plasticitá”, “tridimensionalitá”, “morbidezza”, bokeh, microcontrasto, etc), si trasferiscono pari pari dal film al digitale. Ma non voglio dirottare il thread; per il tema più generale bisognerebbe aprire un thread specifico. )

Inviato: 15/10 20:18
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: 35mm Leica a confronto

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 457
Offline
Citazione:

Mxa ha scritto:
Il tema é più generale, ovviamente, cioé se le caratteristiche di resa non misurabili (“secchezza”, “plasticitá”, “tridimensionalitá”, “morbidezza”, bokeh, microcontrasto, etc), si trasferiscono pari pari dal film al digitale.

All’interno dell’elenco che citi farei una netta distinzione tra le caratteristiche reali e quelle immaginarie.

Microcontrasto e morbidezza sono termini opposti utilizzati in fotografia per indicare il “contrasto” di un obiettivo, una delle sue caratteristiche fisiche reali.
Bokeh è una parola molto di moda per indicare la qualità dello sfocato, che come ha già osservato Franz è una cosa soggettiva. Ma almeno è reale.

Tutti gli altri fantasiosissimi termini inventati sui forum di fotoamatori e fortunatamente lì circoscritti (sono un assiduo frequentatore di mostre fotografiche, e mai e poi mai ho sentito giudicare una foto in base a queste stupidaggini attribuite agli obiettivi), indicano fantasie dei singoli, che spesso si sovrappongono con nomi diversi, quasi sempre legate al tipo di immagine, e nulla hanno a che vedere con le caratteristiche reali degli obiettivi, interamente spiegate dalla scienza di oggi.

Le caratteristiche reali di un obiettivo rimangono sempre le stesse indipendentemente da cosa venga utilizzato per registrare l’immagine che essi producono, ma una pellicola o un sensore possono evidenziarle diversamente. Quindi non è detto che un obiettivo che si comporta in un determinato modo su film faccia lo steso anche su un sensore, e viceversa.

Le caratteristiche immaginarie degli obiettivi invece si possono trasferire pari pari dal film al digitale, oppure no, a seconda solo dell’immaginazione e della fantasia dell’utilizzatore. Di fronte ad esse la scienza è impotente e non può spiegare nulla.

Inviato: 16/10 8:36
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: 35mm Leica a confronto

Iscritto il:
25/8/2005 8:38
Messaggi: 2892
Offline
Citazione:

orso ha scritto:

All’interno dell’elenco che citi farei una netta distinzione tra le caratteristiche reali e quelle immaginarie.

........


Cosa devo dirti, la penso anch'io cosi' ma mi sono stufato di combattere contro i mulini a vento. Quindi se qualcuno vuole parlarmi della spaghettosita' di una lente, io sorrido cortesemente e smetto di ascoltare.

Piuttosto, visto che frequenti le mostre fotografiche, converrai con me che si va ben oltre: in dieci anni che vendo foto non una persona - dico una - mi ha chiesto come era stata fatta la foto (incluso analogico, digitale, camera, obiettivo, carte, etc).

Ho detto un'inesattezza. Qualcuno che chiede c'e' stato, ed e' immancabilmente un altro fotografo fine art che e' venuto a curiosare.

Pero' come le caratteristiche (vere) si modificano (o no) passando dal film al digitale e' un tema che trovo interessante (e non parlo di MTF). E' forse alquanto difficile da sbrogliare, e forse troppo sensore-dipendente, penso ....

Inviato: 16/10 20:27
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: 35mm Leica a confronto

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 457
Offline
Citazione:

Mxa ha scritto:

Piuttosto, visto che frequenti le mostre fotografiche, converrai con me che si va ben oltre: in dieci anni che vendo foto non una persona - dico una - mi ha chiesto come era stata fatta la foto (incluso analogico, digitale, camera, obiettivo, carte, etc).



Altroché se convengo, in questi ambienti si parla di Fotografia e non di macchine fotografiche, per fortuna, anche questo argomento interessante, ma siamo molto OT...

Inviato: 17/10 10:02
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: 35mm Leica a confronto
Moderatore
Iscritto il:
4/11/2005 13:12
Da Roma
Messaggi: 9737
Offline
Citazione:

Mxa ha scritto:

Pero' come le caratteristiche (vere) si modificano (o no) passando dal film al digitale e' un tema che trovo interessante (e non parlo di MTF). E' forse alquanto difficile da sbrogliare, e forse troppo sensore-dipendente, penso ....


Penso anche io.
Fattori come tipo e disposizione delle microlenti, risoluzione del sensore, profondità dei "pozzi" dei pixel, gamma dinamica dello stesso... alla fine incidono su alcune caratteristiche dell'immagine.
Ma anche il semplice maggiore microcontrasto del digitale incide: pensiamo alla maggiore visibilità dell'aberrazione cromatica longitudinale di molti obiettivi quando usati sul digitale, al punto che obiettivi gradevolissimi su pellicola diventano quasi fastidiosi sul digitale in certe condizioni (esempio lampante: Canon 85/1.8 USM).

Fer

Inviato: 17/10 13:11
Tessera C.F.A.O. n°14
Gallery (pBase)

** Si ricorda di leggere bene il REGOLAMENTO ** ....
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Partners








Ultimi annunci
Utenti Online
16 utente(i) online
(14 utente(i) in Forum)Iscritti: 0
Ospiti: 16
altro...
Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 px o superiore
     
Privacy Policy