Utente: Ospite
Cerca nel sito
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!


Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi





OBA
Moderatore
Iscritto il:
8/1/2005 22:33
Da Varese
Messaggi: 4577
Offline
OBA……questi affari misteriosi…..che sono poi gli sbiancanti ottici, ossia una “sostanza” aggiunta ai fogli di carta per stampa inkjet allo scopo di renderla bianca. Si perché una carta, per bianca che sia, non lo è mai al 100% indipendentemente dal processo di lavorazione o dai costituenti (cotone, cellulosa ecc.) ma presenta sempre e comunque una colorazione che si avvicina al bianco ma non lo è al 100%. allora vengono aggiunti gli sbiancanti ottici che rendono il bianco più bianco. Sembrerebbe tutto perfetto, ma ci sono anche i contro. infatti “sembrerebbe” che questi OBA hanno degli effetti collaterali, ossia la tendenza a degradarsi con il passare del tempo, dando come conseguenza l’ingiallimento del supporto e perdita della fedeltà originale dei colori. in rete si leggono 1000 e più opinioni riguardo a questi benedetti OBA, ma io ci vedo una scarsa uniformità di convinzioni ed una palese assenza di dati quantitativi. Le domande alle quali non ho trovato risposta certa sono molteplici. Partendo dal presupposto che gli OBA siano deleteri per l’archiviabilità (pure questo punto basilare non è certo al 100%) mi domando: dopo quanti anni si inizia a vedere qualcosa? Le conseguenze sono ben evidenti o solo marginali? dopo quanto (se succede)la stampa è rovinata? Dopo 150 anni? Dopo 15? La quantità di OBA presenti ha un suo peso? Si perché alcuni supporti hanno bassa quantità di OBA e tale dato viene messo in evidenza (marketing o dato fondamentale?).
Insomma io chiedo se ne sapete qualcosa perché le carte fine art in fibra ecc. e senza OBA hanno un costo di molto superiore alla media….a dire il vero ci sono pure carte fine art in fibra con OBA dichiaratamente presenti che hanno un costo mostruoso……insomma non si riesce a capire un cavolo. Tendenzialmente i supporti Cotton Rag o in alfa cellulosa hanno costi di anche più del doppio rispetto agli equivalenti RC, vuoi per la maggiore “bellezza” della superficie, vuoi per la completa archiviabilità (cosa non valida per gli RC)….ma poi vedi supporti fine art che contengono OBA. E allora, se è vero che contengono OBA ed è vero che sono deleteri dove è questa completa archiviabilità? Perché sarà pur vero che tali supporti sono esteticamente migliori ma mi scappa la voglia di spendere 4 euro per un foglio perlato se posso spenderne 1,5 per un perlato RC. Per cosa poi? per una differenza estetica che per me non è fondamentale data la sua entità a fronte di un’archiviabilità non garantità…e poi, sinceramente, chi piangerà per la perdita delle mie stampe fra 50 anni? (anche fra 10 se vogliamo dirla tutta…).

Marco

Inviato: 11/11 15:28
Il mio sito

"I'm not a photographer the moment I pick up the camera.
When I pick one up, the hard work's already been done"

“To photograph reality is to photograph nothing.”

Duane Michals


Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: OBA

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 649
Offline
Citazione:

pamar5 ha scritto:
insomma non si riesce a capire un cavolo.

Dici bene.
Ad un certo punto, quando la fotografia argentica raggiunse la piena maturazione, si cominciò a far uso del termine Fine Art per designare stampe della massima qualità ottenute con tutte le cure. Cartoncini baritati, sviluppi in vaschetta, lavaggi maniacali, ecc.
Il termine traslò poi alla stampa inkjet quando questa raggiunse il top della qualità. Ed ognuno ci mise dentro quello che voleva. Acid free, assenza di OBA, pigmenti carbone, carta cotone, ecc.
La carta si è sempre fatta partendo dalla cellulosa, quindi un cartoncino fatto partendo da stracci di cotone (cotton rag) risulta molto più figo. E più Fine Art.
Ovviamente non solo la carta deve essere acid free, ma anche l’adesivo usato per incollarla sulle pagine di un album, e ovviamente l’album stesso e l’armadio nel quale viene conservato l’album. Se poi è acid free anche la stanza dove è collocato l’armadio, tanto meglio, la foto è ancora più Fine Art.
Io ho smesso da tempo di seguire queste cose. Il mercato delle carte ha raggiunto uno standard qualitativo eccellente, e se si sta nella fascia alta va tutto bene. Non so se gli OBA deteriorino la qualità dell’immagine nel tempo… io uso una baritata che mi piace e che nella scheda tecnica ha scritto: “Quantità di OBA: moderato. Rispetta gli standard della norma ISO 9706 per garantire la massima conservazione delle stampe.” Non sono mai andato a leggermi quella norma, ma essendo una delle carte più usate al mondo, vado tranquillo.

Inviato: 15/11 9:38
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Partners








Mercatino
Utenti Online
26 utente(i) online
(23 utente(i) in Forum)Iscritti: 0
Ospiti: 26
altro...
Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 px o superiore
     
Privacy Policy