Utente: Ospite
Cerca nel sito
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!


Naviga in questa discussione:   1 Utenti anonimi





Filtro neutro vs diaframmi chiusi

Iscritto il:
25/8/2005 8:38
Messaggi: 3103
Offline
Da un mese a questa parte sono felice possessore di una bella Rolleiflex e mi sto divertendo moltissimo. Tempo minimo: 1/500.

Penso di aver ragione, ma voglio controllare con il forum. Ecco il quesito.

Supposto di avere un OTTIMO filtro neutro (metti due stop), se l’esposizione corretta fosse f/22 a 1/500 la qualità di immagine è migliore usando il filtro neutro e scattando 1/500 a f/11. Cosí riduco la diffrazione causata dal diaframma chiuso a manetta.

(Ovviamente la differente profondità di campo non mi interessa, metti che stia fotografando un paesaggio all’infinito.)

GIUSTO?


Inviato: 5/2 7:12
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Filtro neutro vs diaframmi chiusi

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 573
Offline
Scusa Marco, non sono espertissimo di tecnica ma dove lo trovi un paesaggio che ha la luce 1/500 f22? forse adoperi una pellicola iso 400-800? Se ricordo bene la media dei paesaggi con la portra 160 la facevo con 1/125 f11-16 senza filtro. O forse ti riferisci ad altre luci?

Inviato: 5/2 8:36
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Filtro neutro vs diaframmi chiusi
Amministratore
Iscritto il:
11/10/2005 16:37
Da Roma e Abruzzo
Messaggi: 1001
Offline
Ciao Marco,
condivido il ragionamento.

A presto.

Fabio

Inviato: 5/2 9:28
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Filtro neutro vs diaframmi chiusi

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 572
Offline
Credo che Mxa abbia usato quei valori tempo/diaframma e il paesaggio al solo scopo di esemplificare il problema (anche se potrebbe essere un caso reale se si fosse costretti a fotografare un paesaggio con una TMax3200 in pieno sole).

Comunque, a prescindere dalla profondità di campo, mi pare che la domanda sia: un ottimo filtro neutro che mi fa aprire di 2 stop un diaframma molto chiuso, mi aumenta la qualità dell'immagine che ottengo in virtù della diminuzione della diffrazione?

La risposta in teoria è sì.

In pratica il problema è molto complesso, sia perché aprendo il diaframma diminuisce la diffrazione, unica aberrazione di tipo fisico e non ottico, ma generalmente le altre aberrazioni aumentano (però coi valori comunque molto chiusi di cui parliamo la cosa è irrilevante), sia perché un filtro, pur se ottimo, in certe condizioni può produrre un peggioramento della qualità di immagine.

Poi dipende molto dal progetto dell'obiettivo, cioè a quale diaframma è stato ottimizzato.
Tanto per fare un esempio, gli obiettivi per GF erano ottimizzati a f/22 (la sommatoria di tutte le aberrazioni aveva un minimo a questo diaframma). Per cui, già scattare a f/11 senza alcun filtro davanti, comportava un decadimento della qualità di immagine.

A naso, dovessi avere quella macchina in mano con un solo scatto disponibile, nelle condizioni ipotizzate, metterei il filtro e aprirei di 2 stop.
Certo una prova comparativa taglierebbe la testa al toro.

Inviato: 5/2 9:28
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Filtro neutro vs diaframmi chiusi

Iscritto il:
25/8/2005 8:38
Messaggi: 3103
Offline
Grazie a tuttti!!

La domanda era di stretta attualità. Mi trovo in provincia di Ragusa e già un paio di volte mi sono trovato in difficoltà con la Rolleiflex (ho una tmax 400 dentro). Prima di spendere un patrimonio per un Heliopan neutro in baionetta 3 (purtroppo esistono e so dove comprarli ... mannaggia) volevo un vostro riscontro. Che mi sembra confermi - con i giusti caveat di Orso - la mia ipotesi.

Oppure standizzare su Tmax 100 .... molto più economico ...

Inviato: 5/2 12:27
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Filtro neutro vs diaframmi chiusi
Moderatore
Iscritto il:
8/9/2005 0:10
Da Lazio
Messaggi: 2377
Offline
Guarda un po' che mi trovo qui con lo stesso problema che ho col drone. L'ottica non ha diaframma variabile, è un f:2,8 fisso e quindi si è costretti a giocare col tempo per avere la giusta esposizione. Ma la regola per avere dei filmati di qualità cinematografica impone che il tempo di otturazione sia il doppio dei fps. Quindi 25 fps = 1/50, Ma in piena luce non è possibile ed ecco che obbligatoriamente bisogna avere un set di filtri Nd o Polar/ND per esporre correttamente. Posso dirlo? E' una palla, ma il motion-blur cinematografico si ottiene così e ne vale la pena.
Meno male che le ottiche dei droni sono piccole e la spesa per acquistare un set di filtri pure

Inviato: 5/2 19:45
Mauro-Tessera C.F.A.O. n°12
Leggere con attenzione il REGOLAMENTO

E Dio creò il gatto in modo che l'uomo potesse accarezzare la tigre....
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Filtro neutro vs diaframmi chiusi

Iscritto il:
17/7/2009 21:53
Da cavalese val di fiemme trentino
Messaggi: 63
Offline
Buonasera Marco, Ti riporto la mia esperienza con la speranza Ti possa essere utile: ho un filtro Grau4 originale Rollei in baionetta III, che mi è stato detto vale come un neutral density di tale gradazione, e che uso sulle 2,8 quando come nel Tuo caso ho in macchina pellicole sensibili e voglio evidenziare meglio il soggetto aprendo il diaframma per staccarlo dallo sfondo. Quindi non è forse la situazione che hai descritto. Per farla breve, in fondo è la qualità dell'immagine che qui interessa, dopo diverse prove, ho avuto dei pessimi risultati ai diaframmi aperti (2.8 fino al 5.6) nel senso che lo stacco del soggetto dallo sfondo è incredibilmente netto come fosse stato ritagliato alla maniera di certe ottiche moderne giapponesi, senza tridimensionalità alcuna, mentre da 5,6 in poi vira improvvisamente rendendo giustizia alle qualità del planar ma con un leggero tocco di confusione in più per il fuori fuoco che nel mio caso, ritratti, trovo piacevole.
Quanto sopra per consigliarTi appunto d'usare l'ND ai diaframmi intermedi, per i problemi di aberrazione ecc. non posso esprimermi.
Buona serata.

roberto

Inviato: 5/2 21:38
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Filtro neutro vs diaframmi chiusi
Moderatore
Iscritto il:
8/1/2005 22:33
Da Varese
Messaggi: 4536
Offline
Uso anche io delle Rolleiflex e ho presente il problema. Non lo avevo comprato ma so che c'e' un aggeggio per evitare i costi esorbitanti dei filtri dedicati a baionetta. Se cerchi su ebay ci sono adattatori per montare comuni filtri a vite (mi pare 50 meno) sulla baionetta II e III. Se trovo ti giro un link.

Marco

Inviato: 5/2 22:07
Il mio sito

"I'm not a photographer the moment I pick up the camera.
When I pick one up, the hard work's already been done"

“To photograph reality is to photograph nothing.”

Duane Michals


Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Filtro neutro vs diaframmi chiusi
Moderatore
Iscritto il:
8/1/2005 22:33
Da Varese
Messaggi: 4536
Offline
https://www.ebay.it/itm/Bay-3-III-a-52 ... id=p2349624.c100935.m2460

Il primo trovato. Ma la tipologia e' questa.

Marco

Inviato: 5/2 22:28
Il mio sito

"I'm not a photographer the moment I pick up the camera.
When I pick one up, the hard work's already been done"

“To photograph reality is to photograph nothing.”

Duane Michals


Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Filtro neutro vs diaframmi chiusi

Iscritto il:
25/8/2005 8:38
Messaggi: 3103
Offline
Grazie Marco, prendo in considerazione questa soluzione. Perdo però la possibilità di usare il paraluce dedicato (che ho acquistato a caro prezzo). Posso comprare un generico di gomma col diametro dei filtri circolari oppure farne a meno.

Leggo su internet che la Rollei dovrebbe essere usata con il paraluce perché il planar (2.8 o 3.5) sono soggetti a flare. Qual’e’ la tua esperienza in merito?


Inviato: 6/2 10:30
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Filtro neutro vs diaframmi chiusi

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 572
Offline
La TMax 100 costa come la 400, e ti permetterebbe di utilizzare l'obiettivo senza niente davanti, cioè avere il massimo delle prestazioni a costo zero. Io non avrei il benché minimo dubbio.

Inviato: 6/2 13:30
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Filtro neutro vs diaframmi chiusi

Iscritto il:
29/5/2009 11:05
Da Bologna
Messaggi: 573
Offline
Citazione:

orso ha scritto:
La TMax 100 costa come la 400, e ti permetterebbe di utilizzare l'obiettivo senza niente davanti, cioè avere il massimo delle prestazioni a costo zero. Io non avrei il benché minimo dubbio.


era quello che banalmente pensavo nella mia osservazione ma mi sembrava una soluzione troppo semplice per uno raffinato come MXA!

Inviato: 6/2 16:26
www.oscarferrari.com
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Filtro neutro vs diaframmi chiusi

Iscritto il:
25/8/2005 8:38
Messaggi: 3103
Offline
Macché raffinato , e poi l’avevo già suggerito io sopra. Il motivo per usare la 400 è che una volta che ci metto sopra un filtro arancione o peggio rosso mi ritrovo con una 100 (spannometricamente parlando), mentre se parto già con una 100 ... insomma, mi avete capito.

Non so cosa fare, devo ragionarci sopra, ma i dati fondamentali per decidere me li avete dati, grazie. Ultimo dato: Heliopan ND Baionetta 3 costa 70 euro

Inviato: 12/2 17:34
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Filtro neutro vs diaframmi chiusi
Moderatore
Iscritto il:
13/5/2004 17:25
Da lombardia
Messaggi: 5900
Offline
Se usi la 400 in condizioni di tale luminosità da doverci mettere un ND, forse una 100 (senza filtro ND) riesce a tenere un filtro arancione, rimanendo in tempi di scatto di sicurezza. Almeno, credo.
Al limite , la tiri a 200 ISO.
Per inciso, la Rolleiflex biottica, è l'unico apparecchio in cui mi trovavo bene ad utilizzare il monopiede.

Inviato: 13/2 7:59
Tessera C.F.A.O n. 3

"Tempo fa ero indeciso, ma ora non ne sono più così sicuro" Boscoe Pertwee

http://www.flickr.com/photos/15773975@N00

https://500px.com/lucinio
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Filtro neutro vs diaframmi chiusi

Iscritto il:
25/8/2005 8:38
Messaggi: 3103
Offline
Citazione:

luciano ha scritto:
.....
Per inciso, la Rolleiflex biottica, è l'unico apparecchio in cui mi trovavo bene ad utilizzare il monopiede.


Mooooolto interessante. Sono stato l’infelice possessore di due monopod con i quali non mi sono mai trovato. Uno però c’è l’ho ancora (messo nell’angolo dei cattivi) e quindi non mi costa nulla provarlo. È un Berlebach in legno, proprio carino, hanno integrato lo snodo unidirezionale nel monopod per cui non c’e bisogno di comprare una testa dedicata. Lo provo di sicuro con la Rolleiflex.

Potrebbe essere quello che mi permette di usare la 100 in scioltezza. Mi sono stufato di andare in giro con film BN di sensibilità diversa. Vorrei standardizzare su un tipo solo e non pensarci più. Anche a costo di rinunciare a una foto o buttarla per (micro)mosso.

Inviato: 13/2 9:23
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Filtro neutro vs diaframmi chiusi
Moderatore
Iscritto il:
8/1/2005 22:33
Da Varese
Messaggi: 4536
Offline
Ciao Mxa,

ti rispondo circa il flare. Io possiedo una Rolleiflex T (3,5) ed una 2,8F. Le ho sempre usate con il paraluce. Uno originale per la 2,8F ed uno replica (ma identico all’originale) per la T; quindi non l’ho mai usata senza ed avevo comprato quello replica per la T avendo anche io letto che è propensa al flare. In pratica quindi non le ho mai utilizzate senza paraluce. Inoltre non le ho mai neppure usate con il sole o la fronte luminosa frontale. Nel mio caso quindi non ho mai avuto problemi di flare ma, come puoi capire, sono casi d’uso dove una lente anche se soggetta al flare non è nella situazione di subirlo. Il vero esperto di Rolleiflex TLR è Hologon. Se qualcuno è ferrato sull’argomento senza dubbio è lui.

Marco

Inviato: 13/2 12:30
Il mio sito

"I'm not a photographer the moment I pick up the camera.
When I pick one up, the hard work's already been done"

“To photograph reality is to photograph nothing.”

Duane Michals


Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Filtro neutro vs diaframmi chiusi

Iscritto il:
22/6/2009 11:34
Messaggi: 572
Offline
Citazione:

Mxa ha scritto:
Anche a costo di rinunciare a una foto o buttarla per (micro)mosso.

Tieni presente che la Rolleiflex, in virtù della mancanza di specchio che sbatacchia e dell'otturatore centrale, è molto stabile anche "in mano".

Inviato: 14/2 9:51
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Filtro neutro vs diaframmi chiusi

Iscritto il:
25/8/2005 8:38
Messaggi: 3103
Offline
Citazione:

orso ha scritto:

Tieni presente che la Rolleiflex, in virtù della mancanza di specchio che sbatacchia e dell'otturatore centrale, è molto stabile anche "in mano".


Eh si, devo ficcarmi nella zucca che la Rollei biottica è meno nervosa di tante altre medioformato ed essere un po’ più coraggioso nello scendere con i tempi a mano libera.

Inviato: Ieri alle 11:08
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci






Puoi vedere le discussioni.
Non puoi inviare messaggi.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Partners








Ultimi annunci
Utenti Online
49 utente(i) online
(43 utente(i) in Forum)Iscritti: 0
Ospiti: 49
altro...
Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 px o superiore
     
Privacy Policy