Utente: Ospite
Cerca nel sito
Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

   Tutti i post (Umberto)


(1) 2 3 4 ... 27 »


Re: Revisione Hasselblad serie 500 a Milano

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
Io vado dal riparatore di Watanabe

FOTOMECCANICA G.M. di Gualazzi. Fotoriparatori a Milano. Via T. Calzecchi, 6 (interno cortile) 20133 Milano - tel. 02730085

Inviato: 19/11 7:16
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Rollei SL66

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
puoi provare qui:

FOTOMECCANICA G.M. di Gualazzi
Fotoriparatori a Milano
Via T. Calzecchi, 6 (interno cortile) 20133 Milano - tel. 02.730085

(E' in zona Lambrate)

Inviato: 17/8/2018 11:34
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: un sito interessante

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline

Inviato: 2/3/2018 17:13
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Auguri !!!

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
Auguri di cuore da un vostro affezionato lettore.
Pace e serenità.
Umberto

Inviato: 24/12/2017 21:34
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: 6x6

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
L'Agfa è stata la mia prima fotocamera, avevo 12 anni; era giusto una macchina da principianti.
Se fossi in te, comincerei con una folding, ingombrano poco e pesano poco, ma ne cercherei una di marca, come una Zeiss Ikonta con un Tessar.
Se il Compur non ha problemi (ma si revisiona con poco), si possono ottenere dei buoni risultati.
Le Agfa hanno soffietti molto rigidi, e, se anche si trovano a poco, possono avere spigoli con micro fessure, mentre le Zeiss li hanno in buona pelle, che resiste più facilmente agli anni.
Comunque sono fotocamere molto datate, giusto per iniziare.
C'era su Ebay un americano (certo6) che le restaurava e rifaceva nuovi soffietti, ma non era molto a buon mercato.
Io di 6x6 ho tenuto la mia Rolleiflex 2,8 F ed una Hasselblad (che oggi costa quasi meno delle Rollei); però uso poco entrambe.
Buon Natale
Umberto

Inviato: 19/12/2017 19:47
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Sito con informazione su obiettivi, anche vecchi

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
certo, basta solo studiare un poco di giapponese


Inviato: 19/11/2017 18:22
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Obiettivo per Leicaflex SL?

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
Ho comprato tutta la terna dei Summicron R per la mia Leicaflex SL II, il 35-50-90, ed hanno a mio avviso una resa anche superiore ai corrispondenti M.

Inviato: 22/10/2017 20:17
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Riparatore Rolleicord

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
Lo conosco bene, e il suo indirizzo completo è già sul forum Rollei, da quando ha chiuso il laboratorio di via Cermenate.
Qualche piccolo intervento ora lo fa in casa.
Purtroppo ha venduto, quando ha chiuso, tutta la sua ampia scorta di ricambi Rollei.

Inviato: 16/3/2017 19:04
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Riparatore Rolleicord

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
Comunque sia l'indirizzo di casa di Carlo Giussani è:

CARLO GIUSSANI - Via Piero Bottoni, 3 - Milano
Tel. 347.3479409 - mail: carlogiuss(chiocciola)alice.it

cordialmente
Umberto

Inviato: 16/3/2017 12:29
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Riparatore Rolleicord

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
Sono spiacente di comunicarti che il buon Carlo Giussani ha cessato l'attività già da un paio di anni; era troppo onesto.


A Milano ci sono altri riparatori: Compagnoni Marco, in via Monte Nevoso 8- Fotomeccanica di Gualazzi, in via Temistocle Calzecchi 6; per citarne solo un paio.
Sono entrambe in zona est (Lambrate).

Inviato: 15/3/2017 15:18
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Pochi Megapixel poca spesa e belle stampe.

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
Secondo me è arrivato Bruno Brigido....

Inviato: 22/2/2017 9:32
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: A casa di G. Berengo Gardin con i suoi libri

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
Non so da voi, ma a Milano le sale biliardo erano i ritrovi preferiti della mala.
Penso che fossimo più felici, perchè eravamo ottimisti, nonostante le fortissime turbolenze sociali vivevamo nel futuro, mentre oggi credo che la tendenza sia di vivere nel presente, giorno per giorno.
Eravamo consci che a 30 anni eravamo uomini, dopo il servizio militare, la laurea (per molti), il matrimonio, il mutuo per la casa ed i figli; a 40 anni la carriera doveva essere fatta e sapevamo di essere a metà dell'esistenza.
Abito vicino ai Navigli e spesso, passeggiando sulla ripa, vedo compagnie di trenta/quarantenni che passano la sera con la birra in mano, maschi e femmine, credendo di essere ancora giovani e spensierati, senza obblighi e problemi, ma per me si illudono, e bruciano del tempo prezioso vivendo alla giornata.
Mi auguro che con l'età matura le loro disillusioni non siano troppo dure.

Inviato: 23/11/2016 8:28
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: A casa di G. Berengo Gardin con i suoi libri

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
Tra il 1930 er il 1980 di generazioni ne sono passate due, ma con una guerra in mezzo che ha cambiato il mondo.
La generazione di Berengo ed in parte la mia (sono nato 13 anni dopo), nonostante tutto quel che ha significato la distruzione, la miseria nera e la successiva ricostruzione dell'Italia, penso siano state molto più fortunate delle successive. Abbiamo vissuto fame e disagi immani, lavoro duro, ma avevamo un ottimismo infinito e davanti un futuro di lavoro per tutti, ed un miglioramento continuo delle condizioni di vita.
All'inizio i trasporti erano precari e discontinui, poche e carissime enormi radio a valvole, niente tv, pochi telefoni, in maggior parte duplex, niente cellulari e pc, tanti giornali e tantissime riviste, oggi del tutto sparite, e la scoperta infinita di tutti i libri del mondo.
Le comucazioni interpersonali erano verbali e fisiche, tanta aggregazione, molta passione politica e voglia di cambiare le cose (anche se si rivelò alla fine una amara illusione).
Il progresso, di cui sto usufruendo anch'io in questo momento, ha creato una forma di comunicazione globale, ma anche isolamento fisico, con le persone incollare ad una tastiera od uno smartphone.
I libri sono quasi scomparsi da case sempre più care e sempre più piccole e l'unica forma di aggregazione che i giovani hanno (almeno a Milano) è quella passione anglosassone per l'happy hour.
Stanno scomparendo anche le macchine fotografiche digitali, sostituite dai cellulari.
Non è il solito lamento dei vecchi che dicono che si stava meglio prima, non è vero, un tempo la vita era scomoda e faticosa, ma ci divertivamo con meno, e forse eravamo più felici di voi.

Inviato: 22/11/2016 12:51
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ravanando nella cartella Lotofen....

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
La cosa buffa è che è il buon Bruno Brigido, alias reporter, a prendersela

Inviato: 14/11/2016 12:10
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ravanando nella cartella Lotofen....

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline

Inviato: 11/11/2016 14:00
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Ciao Daniele

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
E' un destino baro quello che si porta via una persona a quell'età.
Mi dispiace.

Inviato: 2/6/2016 6:12
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Lisbona- foto di viaggio

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
Il Portogallo è un paese molto piccolo, 600 km di lunghezza in tutto. Se avrai voglia di andarci (ed è una delle mete più belle in Europa) ti consiglio il "fly&drive". Lisbona merita senz'altro una sosta lunga ed una visita accurata, ma c'è molto altro, dall'Alentejo torrido ed assolato a sud, ai paesini, come la medioevale Obidos, ed ai porti pescherecci sull'Atlantico, a Nazarè, su su fino a Porto, alla valle del Douro, alle vigne di Vila Real.
Il paesaggio cambia continuamente dalle spiagge sull'oceano fino a delle stupefacenti foreste dell'interno con larici alti 40 mt, che servirono per costruire le navi, che fecero la potenza marinara del paese.
Io l'ho visitato tutto due volte e ti assicuro che uscire dalle solite rotte turistiche riserva continue sorprese.
Quanto alla gente, è strana, piuttosto chiusa e scontrosa; per similitudine di carattere ed anche di lingua oserei dire che assomigliano un poco ai genovesi.
Ho sempre speso piuttosto poco, a volte anche molto poco, dato che le strutture turistiche sono piuttosto in fieri, dato che il paese prima ha affrontato più di 50 anni di dittatura di Salazar, poi, dopo un certo sviluppo con i mondiali di calcio, ha sofferto una fortissima crisi recessiva; avendo perso le colonie sono rimaste in patria poche risorse. Ciò non toglie che ci si va per vedere quel che di bello può offrire, sperando che le crisi finiscano per tutti.

Inviato: 9/1/2015 20:41
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Pellicola 35mm, no AF: Nikon, Canon, Pentax, Leica. Quale scegliere?

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
*sto cercando qualcosa di otticamente molto prestante, che non mi costringa ad andare in giro con chili sulle spalle, che possa portare con relativa tranquillità (affidabilità') per un mese in Giappone o negli USA l'anno prossimo e che mi dia un senso di "orgoglio di possesso".*

Non l'ho mai amata in modo particolare, non sono un collezionista feticista, sfegatato ammiratore dell'oggetto, ma da quando ho comprato tre macchine che si potrebbero definire tre scarti del mercato, sono rimasto a bocca aperta per la singolarità dei risultati.
Una Leica M5 (il brutto anatroccolo, ma ergonomica, rapida, sempre pronta all'uso e poco appariscente); una Leicaflex SL2 (di cui ho parlato prima), e buon'ultima lo scarto di leva dell'epoca digitale: la Leica M8 (che dà un bianco nero fantastico).
Tutte rigorosamente black chrome, con il bollino rosso accuratamente nastrato e tutte a prezzo di brochantage.
Non ne desidero altre; venderò quel che mi resta in casa per acquistare un paio di ottiche M d'antan.
Il resto l'investo in stampe in b/n su carta baritata.
Il mio modo di viaggiare è una macchina con un'ottica montata ed un'altro obiettivo in tasca. E basta, basta chili e borsoni.

Inviato: 20/12/2014 20:59
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Pellicola 35mm, no AF: Nikon, Canon, Pentax, Leica. Quale scegliere?

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
La migliore reflex che abbia mai provato l'ho comprata un mese fa a 300 euro: una Leicaflex SL2 nera; le ottiche R 28/35/50/90/135 le avevo già.
E' di fabbricazione germanica, allo stato dell'arte della vecchia produzione Leitz: mirino luminossimo, esposimetro spot estremamente preciso, scatto di una dolcezza incredibile, specchio ammortizzato.
La macchina è pittosto grossa e massiccia, ma si impugna molto bene e dà una grande impressione di solitidità, fatta per durare; ritengo che sia un acquisto definitivo.
Le ottiche R sono addirittura migliori delle omologhe M; i meravigliosi Summicron si comprano con cifre più che abbordabili, dato che il sistema è stato fatto abortire dal produttore.
Se ne disfano per rincorrere l'elettronica ed il digitale, ma le vecchie Leicaflex tedesche (non le R3/R4/R5/ etc... costruite da Minolta) per me sono veri capolavori.
E COSTANO POCO !

Inviato: 15/12/2014 12:23
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci


Re: Leica M-A

Iscritto il:
13/9/2006 9:55
Da Milano
Messaggi: 728
Offline
I miei tre acquisti di quest'anno in Via Dante sono stati una Leica M5 nera per 400 €., una Leicaflex SL2 sempre cromata nera per 300 €. ed infine (mi sono buttato, dopo infinite esitazioni) una Leica M8 sempre nera per 1000 €.

Sono contento come una Pasqua per aver potuto cogliere al volo queste tre occasioni; le macchine, anche se vetuste, sono in ottime condizioni, senza un graffio, una botta od un segno d'uso.

Tutti gli accessori necessari li ho trovati a Vienna, dal lentino +1,5 per la Leicaflex, alla mezza borsa di Walter Ferro per la digitale.

La più bella di tutte, quella che dà piena soddisfazione solo ad impugnarla, con un mirino fantastico, è la più pesante, ma per me impugnabilissima, la reflex. Con una HP5 mi ha consentito scatti perfetti anche in interni a luce ambiente ed a mano libera. Gli obiettivi R poi sono qualitativamente fantastici ed a prezzi più che onesti.

Quella che mi dà più filo da torcere, ma con un bianco nero pari alla pellicola, è la M8, piuttosto ostica da usare venendo da una digitale dell'ultima generazione. Il vantaggio sta nel poter usare i Summicron della M6 e con poco poter imparare con Leica digi senza spendere un patrimonio e senza i patemi del vetro che si degrada come nella M9, od il sensore da sostituire.

Dentro di me ho espresso un ringraziamento a tutti coloro che si sono disfatti per due cocomeri ed un melone di fotocamere quasi perfette, solo per correre dietro al mercato.

Inviato: 8/12/2014 13:59
Tessera C.F.A.O. n°27......
G.F. n°78
...............
Trasferisci l'intervento ad altre applicazioni Trasferisci



 Inizio
(1) 2 3 4 ... 27 »




Partners








Mercatino
Utenti Online
24 utente(i) online
(19 utente(i) in Forum)Iscritti: 0
Ospiti: 24
altro...
Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 px o superiore
     
Privacy Policy